Nei giorni della crisi di governo, Flavio Briatore ha annunciato la nascita di un nuovo movimento politico: il suo. Si chiama Movimento del Fare, presentato dall’imprenditore sul suo profilo Instagram il 12 agosto e descritto come “una proposta forte e concreta”. Si tratta di un movimento indipendente da qualsiasi partito attualmente presente nel panorama politico italiano e arriva proprio in piena crisi di governo. Briatore, che era finito sulle cronache per reati fiscali, per i quali era stato assolto dalla sentenza della Cassazione del settembre 2018, ha deciso ora di “farsi avanti in questo momento così critico per il Paese”. Ma soprattutto, come scrive in caratteri maiuscoli alla fine della didascalia di presentazione del movimento: lui e i suoi compagni lavoreranno “gratis” per l’Italia.

Visualizza questo post su Instagram

Nasce il “Movimento del Fare” —- ‘In questo momento così critico e confuso per il Paese Italia, ormai alla deriva, mi faccio avanti con una proposta forte e concreta: Il Movimento del Fare. Totalmente indipendente da qualsiasi partito o corrente politica attuali, Il Movimento del Fare nasce per essere al completo servizio dei cittadini. Sarà formato da persone e personalità che metteranno la loro esperienza e le loro competenze a disposizione degli Italiani: Imprenditori e professionisti di successo che insieme, con le loro idee e la loro visione aiuteranno a far ripartire il Paese, creando lavoro e attirando gli investimenti: drastica riduzione del cuneo fiscale, cantieri aperti, riforma della giustizia, abolizione del reddito di cittadinanza, lavoro ai giovani e Turismo come eccellenza del Paese, sono le assolute priorità. Ma c’è tanto altro nel nostro programma. Io mi metto in gioco in prima persona e so di poter contare su tanti professionisti e imprenditori che condividono le mie idee e vogliono far parte del Movimento del Fare. Insieme, uniti, senza alcun interesse personale e tutti con un unico obiettivo: Salvare l’Italia, ci metteremo a disposizione e al lavoro per amore del nostro Paese. E lo faremo completamente GRATIS’ Flavio Briatore #MovimentodelFare . . #portrait photo by @gianluc4_santoro

Un post condiviso da Flavio Briatore (@briatoreflavio) in data:

Il Movimento, dice Briatore, nasce per essere al completo servizio dei cittadini. Sarà formato da persone e personalità che metteranno la loro esperienza e le loro competenze a disposizione degli Italiani”. Non sarà composto da profili provenienti dalla politica dunque, ma da “imprenditori e professionisti di successo” che secondo il titolare di Twiga e Billionaire saranno in grado di far riprendere l’Italia nell’unico modo secondo lui possibile. “Con le loro idee e la loro visione – spiega – aiuteranno a far ripartire il Paese, creando lavoro e attirando gli investimenti”.

Quali sono i punti del programma del Movimento del Fare? “Drastica riduzione del cuneo fiscale, cantieri aperti, riforma della giustizia, abolizione del reddito di cittadinanza, lavoro ai giovani e Turismo come eccellenza del Paese, sono le assolute priorità”. Ha sintetizzato Briatore nel suo post, ma assicura che ci sarà “molto altro”. Non scherza l’imprenditore, che assicura che si tratta di un’iniziativa “senza alcun interesse personale”. “Io mi metto in gioco in prima persona e so di poter contare su tanti professionisti e imprenditori che condividono le mie idee e vogliono far parte del Movimento del Fare”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Crisi governo, Cazzola: “Spero in inciucio M5s-Pd. Salvini? Un pazzo irresponsabile”

prev
Articolo Successivo

Crisi, quando a dicembre Salvini ad Accordi&Disaccordi (Nove) assicurò: “Io sono un uomo di parola. Non stacco spina al governo”

next