Il sovranismo “è un’esagerazione che finisce male sempre: porta alle guerre“. Pericolosi anche i populismi: “Una cosa è che il popolo si esprima, un’altra è imporre al popolo l’atteggiamento populista. Il popolo è sovrano (ha un modo di pensare, di esprimersi e di sentire, di valutare), invece i populismi ci portano a sovranismi: quel suffisso, ‘ismi‘, non fa mai bene”. A dirlo è Papa Francesco in una lunga intervista a La Stampa in cui parla delle sfide per l’Europa, dell’accoglienza dei migranti, dell’emergenza ambientale e dei pericoli legati al sovranismo: “È un atteggiamento di isolamento. Sono preoccupato perché si sentono discorsi che assomigliano a quelli di Hitler nel 1934″, dice.

Bergoglio parla di una unità storica e culturale che va salvata: “L’Europa non può e non deve sciogliersi. È un’unità storica e culturale oltre che geografica – dice -. Il sogno dei Padri Fondatori ha avuto consistenza perché è stata un’attuazione di questa unità. Ora non si deve perdere questo patrimonio”. Con gli anni “si è indebolita” ma “bisogna salvarla. Dopo le elezioni spero che inizi un processo di rilancio e che vada avanti senza interruzioni”. Il Pontefice è contento che sia una donna (Ursula von der Leyen, ndr) a presiedere la Commissione europea anche perché “le donne hanno la capacità di accomunare, di unire”. L’Europa “ha radici umane e cristiane – aggiunge – è la storia che lo racconta. E quando dico questo, non separo cattolici, ortodossi e protestanti”.
Per il Papa “la globalizzazione, l’unità non va concepita come una sfera, ma come un poliedro: ogni popolo conserva la propria identità nell’unità con gli altri”.

Sul tema dei migranti Bergoglio ritiene che nell’accoglienza vadano “seguiti dei criteri. Primo: ricevere, che è anche un compito cristiano, evangelico. Le porte vanno aperte, non chiuse. Secondo: accompagnare. Terzo: promuovere. Quarto, integrare. Allo stesso tempo, i governi devono pensare e agire con prudenza, che è una virtù di governo. Chi amministra è chiamato a ragionare su quanti migranti si possono accogliere”. Un processo nel quale è fondamentale “il dialogo con gli altri Paesi”.

Il Papa torna poi sulla necessità di proteggere l’ecosistema al centro anche del prossimo Sinodo sull’Amazzonia. Oggi, sottolinea, c’è “una situazione di emergenza mondiale. E il nostro sarà un Sinodo di urgenza. Attenzione però: un Sinodo non è una riunione di scienziati o di politici. Non è un Parlamento: è un’altra cosa. Nasce dalla Chiesa e avrà missione e dimensione evangelizzatrici. Sarà un lavoro di comunione guidato dallo Spirito Santo”. Ci si concentra sull’Amazzonia perché “insieme agli oceani contribuisce in maniera determinante alla sopravvivenza del pianeta”. La deforestazione “significa uccidere l’umanità”. Bergoglio riflette anche sul ruolo della politica, che deve “eliminare le proprie connivenze e corruzioni” e vede un segnale positivo “nei movimenti di giovani ecologisti, come quello guidato da Greta Thunberg“.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Roma, l’omicidio di Diabolik Piscitelli ha interrotto la pax imposta da Carminati. Investigatori: “Si rischia escalation di sangue”

prev
Articolo Successivo

Chieti, 15enne milanese morto a Francavilla al Mare mentre gioca a calcetto: probabile infarto

next