Crescita congiunturale per le esportazioni (+1,2%) e flessione per le importazioni (-2,1%) a giugno. I dati dell’Istat mostrano un trend positivo dell’export, che continua da quattro mesi. “La positiva dinamica congiunturale – aggiunge – è determinata dall’aumento delle vendite verso i mercati extra Ue. La flessione dell’export – continua l’istituto di statistica – su base annua è condizionata dalla contrazione nelle vendite di beni strumentali (come, ad esempio, macchinari, mobili e computer, beni che si utilizzano nell’attività per più anni), che nell’anno precedente avevano registrato movimentazioni occasionali di elevato impatto”. Inoltre “nel primo semestre del 2019 l’export segna una crescita tendenziale del 2,7% in valore che si traduce tuttavia in una flessione dello 0,9% in volume a causa del sostenuto incremento dei valori medi unitari (+3,6%)”. Da rilevare che però “su base annua, la flessione dell’indice dei prezzi all’importazione interrompe la positiva evoluzione registrata a partire da dicembre 2016, risultando comunque stazionaria al netto dell’energia”.

I dati – L’aumento congiunturale dell’export è determinato dall’incremento delle vendite verso i mercati extra Ue (+3,9%) mentre quelle verso i paesi Ue risultano in diminuzione (-1,0%). Nel secondo trimestre del 2019 si registra un aumento congiunturale per entrambi i flussi commerciali con l’estero, più intenso per le esportazioni (+1,7%) che per le importazioni (+1,2%). A giugno 2019 la diminuzione dell’export su base annua è pari a -3,5% ed è determinata dalla flessione delle vendite registrata sia per l’area Ue (-4,6%) sia per quella extra Ue (-2,1%). Analogamente le importazioni sono in diminuzione (-5,5%) sia dall’area Ue (-6,1%) sia dai mercati extra Ue (-4,7%).

Tra i settori che contribuiscono alla flessione tendenziale dell’export si segnalano mezzi di trasporto, autoveicoli (-26,4%), metalli di base e prodotti in metallo esclusi macchine e impianti (-5,9%), prodotti petroliferi raffinati (-14,5%) e autoveicoli (-8,3%), mentre nello stesso mese contribuiscono positivamente gli articoli farmaceutici, chimico-medicinali e botanici (+34,5%). Su base annua, i paesi che contribuiscono maggiormente alla diminuzione delle esportazioni sono Germania (-8,0%), Svizzera e paesi Opec (-13,5% per entrambi), e Francia (-3,8%), mentre si registra un aumento delle vendite verso gli Stati Uniti (+4,1%) e il Giappone (+27,9%). Nei primi sei mesi del 2019, l’aumento su base annua dell’export (+2,7%) è determinato principalmente dalle vendite di articoli farmaceutici, chimico-medicinali e botanici (+28,0%), prodotti tessili e dell’abbigliamento, pelli e accessori (+7,3%), prodotti alimentari, bevande e tabacco (+6,9%). Nel mese di giugno 2019 si stima che l’indice dei prezzi all’importazione diminuisca dell’1,4% in termini congiunturali e dell’1,6% rispetto allo stesso mese dell’anno precedente. In entrambi i casi, la dinamica è sostanzialmente stazionaria al netto dell’energia.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Crisi di Governo, lo spread sale a 241 punti. Piazza Affari chiude in rosso. Titolo Atlantia sale: con la crisi evita revoca concessioni

prev
Articolo Successivo

Conti pubblici, Fitch conferma il rating BBB dell’Italia con outlook negativo: “Rischi se futuro governo non rispetterà regole Ue”

next