Check-in più veloce in aeroporto e tracciabilità dei bagagli garantita: sono questi i vantaggi di cui potranno beneficiare i passeggeri dei voli British Airways a partire dall’autunno. La compagnia aerea ha infatti annunciato ViewTag, il nuovo cartellino digitale per bagagli. Consiste in un dispositivo dotato di chip Bluetooth a basso consumo energetico e di uno schermo E-Ink, come quelli dei lettori per eBook. Lo schermo mostrerà i dati di viaggio, il chip RFID (Radio Frequency Identification) consentirà l’identificazione del bagaglio mediante radiofrequenza.

Il primo vantaggio di questa soluzione è che i viaggiatori potranno fare il check-in prima ancora di arrivare in aeroporto, anche per la parte che riguarda il bagaglio da imbarcare. L’altro è che il proprietario potrà sapere in ogni momento dove si trova il proprio bagaglio, consultando l’app per smartphone, che è gratuita ed è compatibile con iOS e Android. Per registrarsi sull’app occorre inserire il proprio account British Airways, una volta fatto l’utente potrà sincronizzare le informazioni del volo col dispositivo, agganciato al bagaglio tramite una clip di sicurezza particolare.

Non è tutto, perché il chip RFID permette di saltare la fila al check-in, che si effettua presso appositi totem per poi consegnare il bagaglio direttamente sul nastro trasportatore. Lo schermo di ViewTag supporta un massimo di 3000 aggiornamenti immagine, il dispositivo non necessita di ricarica e può funzionare per anni. Chi lo desiderasse può prenotarlo dal sito British Airways al costo di 63 sterline (circa 70 euro). I prodotti saranno disponibili da ottobre, e chi li acquisterà da quella data pagherà 80 sterline (poco meno di 90 euro).

Da notare che la compagnia di bandiera del Regno Unito non è l’unica ad essersi affidata alle tecnologie RFID. La statunitense Delta Airlines sfrutta questa soluzione dal 2016; presto molte altre compagnie aree dovranno adeguarsi, dato che IATA (International Air Transport Association) ha deciso che, a partire dal 2020, la tecnologia RFID dovrà essere utilizzata in tutti gli aeroporti.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Criptovalute: in Italia ci sono 42 sportelli automatici, ecco dove

prev
Articolo Successivo

Cobalt Robot è il vigilante efficiente che interagisce con il personale per la sicurezza

next