Maxi multa da 183 milioni di sterline, pari a 204 milioni di euro, per la compagnia aerea britannica British Airways dopo l’attacco hacker subito l’anno scorso in cui sono stati carpiti dati e coordinate delle carte di credito di 380mila passeggeri. La sanzione, riporta l’Independent, è stata annunciata dall’Information Commissioner’s Office (Ico), l’autorità britannica per la privacy e la protezione dei dati, che la notificherà alla BA come previsto dalla legge sulla Protezione dei Dati. I pirati informatici si sono impossessati di dati personali e finanziari di clienti che hanno prenotato online voli della compagnia britannica fra la sera del 21 agosto e mercoledì 5 settembre dell’anno scorso.

“Siamo sorpresi e delusi dalle conclusioni iniziali dell’Ico”, ha dichiarato il numero uno Alex Cruz, spiegando che “British Airways ha risposto rapidamente all’atto criminale di furto dei dati dei suoi clienti”. L’ad della società madre Iag, Willie Walsh, ha annunciato l’intenzione di fare appello. La multa rappresenta l’1,5% del fatturato globale della British nel 2017.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Spread scende ancora a 195, rendimento Btp ai minimi dal 2016. Avvio positivo di Piazza Affari

prev
Articolo Successivo

Conti pubblici, dubbi dei tecnici del Senato sui fondi congelati. Eurogruppo: “Plauso per i risultati italiani sul 2019”

next