“Non capisco perché Matteo Salvini mi debba attaccare sul personale, mi dà pure troppa importanza. Io sollevo questioni politiche da pubblico cittadino, non pagato da denaro pubblico come fa lui. Per cui mi risponda su questioni politiche”. A dirlo Alessandro Di Battista a margine del Caffè de La Versiliana a Marina di Pietrasanta. Salvini “mi risponda quando lo attacco sulla sua viltà rispetto ai Benetton, alla nazionalizzazione dell’autostrada, ai suoi tradimenti rispetto al Tav. Mi sento tradito quando fa il lacchè con gli americani. Questo a me indigna e sono questioni politiche e non personali”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Lo speaker al Papeete presenta Salvini in consolle. Il ministro risponde tra cocktail e cubiste: “Alla vostra”

next
Articolo Successivo

Salvini in consolle fa il deejay tra cubiste, inno d’Italia e il tormentone “po-po-po”

next