I nostri connazionali sono sempre più interessati al mercato immobiliare greco: a giugno 2019 le ricerche dall’Italia per comprare casa in Grecia sono aumentate del 31,6% rispetto a un anno fa. È quanto emerso dall’analisi effettuata da Immobiliare.it in collaborazione con Spitogatos.gr, portale immobiliare leader del settore nella penisola ellenica.

Cosa cercano gli acquirenti italiani?

Analizzando i dati delle ricerche, emerge come il desiderio più diffuso sia acquistare un immobile vista mare in buono stato. Per questa tipologia di immobile, gli italiani sono disposti a spendere cifre importanti: il budget medio per i potenziali acquirenti ammonta a circa 500 mila euro. Non mancano, però, compratori interessati ad acquisire ruderi o terreni di campagna, in cui poter edificare ville di lusso che rispondano ai propri sogni.

Tra le zone preferiti dagli italiani, il primo posto spetta alle Isole Cicladi, ritenute la meta di vacanza per eccellenza; al secondo posto le isole ioniche Corfù e Cefalonia; sul gradino più basso del podio il Peloponneso, in particolare le località di Messenia, Elafonisos e Methana.

Gli italiani interessati al mattone greco devono, però, fare i conti con un mercato particolarmente competitivo: nelle Cicladi, ad esempio, l’offerta di immobili non è sufficiente per rispondere alla domanda.

Oltre a quelli provenienti dall’Italia, nell’arcipelago si concentrano numerosi capitali stranieri, in particolare inglesi, cinesi, tedeschi e francesi: per questa ragione i prezzi sono aumentati di oltre il 26%. A Santorini, ad esempio, in un anno il costo per acquistare un immobile è cresciuto del +18,2%.

A livello generale, su base annua il prezzo delle abitazioni al metro quadro nelle dieci mete predilette dagli italiani ha visto una crescita del 10%, con un costo medio che è arrivato a quota 2.000 €/mq.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Hotel in Italia: nell’ultimo anno il settore è cresciuto del 9%

prev
Articolo Successivo

Mercato residenziale: prezzi stabili nel primo semestre 2019

next