È stato arrestato per falsità materiale ed esercizio abusivo della professione un uomo della provincia di Cosenza, che si spacciava per avvocato. Si tratta di un 53enne, Arturo Senatori, nei confronti del quale è stata emessa un’ordinanza di custodia cautelare agli arresti domiciliari. Inizialmente era riuscito a ingannare l’apparato giudiziario, ma è stato poi scoperto grazie all’apporto della Guardia di finanza diretta dalla Procura di Catanzaro.

Arturo Senatori, residente a Scalea, nel cosentino, è accusato, oltre che di esercizio abusivo della professione, anche di aver prodotto un falso documento. Si tratta di una sentenza fasulla della Corte d’appello di Potenza che, accogliendo l’impugnazione in realtà mai proposta dal finto avvocato, annullava il fallimento di una società che si era rivolta al legale per farsi rappresentare. Il testo era stato redatto accuratamente e riportava anche l’indicazione dei magistrati che effettivamente compongono la Corte d’appello in questione, dei quali sono presenti anche le false firme, lo stemma della Repubblica e l’intestazione dell’ufficio giudiziario.

Il falso avvocato è stato arrestato dai finanzieri del Nucleo di polizia economico-finanziaria e della procura di Catanzaro. La misura cautelare, emessa originariamente dal gip di Lagonegro (Potenza), è stata successivamente disposta da quello di Catanzaro a conclusione di indagini dirette dal pm Pasquale Mandolfino, con il coordinamento del procuratore aggiunto Vincenzo Capomolla e del procuratore Nicola Gratteri.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Riforma Giustizia, Bonafede: “Se il punto è la riduzione dei tempi del processo sfondano una porta aperta”

next
Articolo Successivo

Migranti, procura dispone dissequestro della Mare Jonio: “Salperemo il prima possibile”

next