Lo smartphone Nokia 9 PureView annunciato ufficialmente al Mobile World Congress 2019, sarà migliorato nel corso del 2019 dalla versione Nokia 9.1 Pureview. Molto chiacchierata in rete anche se non è ancora stata diffusa la data della disponibilità, questa versione presenterà significative modifiche rispetto al modello attualmente in circolazione.

Al posto del processore Snapdragon 845 sarà installato il successore, Snapdragon 855 che porta con sé la compatibilità con le reti 5G. Inoltre, sembra che il dispositivo presenterà un foro nel display per ospitare la fotocamera frontale, il che potrebbe portare a una riduzione dello spessore delle cornici.

Sarà poi riproposta la caratteristica principale della serie 9 di Nokia, ossia la presenza di cinque obiettivi prodotti da Zeiss, di cui due RGB e tre monocromatici. La novità è che saranno coadiuvati da importanti miglioramenti software che permetteranno di ottenere foto di qualità più alta con poca luce, di avere una velocità di scatto maggiore e di registrare video migliori. Un dettaglio che non stupisce, dato che abbiamo evidenziato già molte volte come sia il software oggi a fare la differenza nella qualità fotografica degli smartphone.

Uno dei motivi per i quali il Nokia 9.1 PureView si fa attendere più delle aspettative è proprio il lavoro sull’ottimizzazione software, che è lungo e complesso ma ripaga con miglioramenti tangibili. Visto che siamo ormai in piena estate, è lecito aspettarsi che lo smartphone venga messo in commercio con già installata la nuovissima versione di Android, l’atteso Android Q.

Non ci sono ancora informazioni sui prezzi, ma considerata la quotazione di listino del 9 PureView (650 euro) non c’è da aspettarsi di meno.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

WhatsApp, presto si potrà utilizzare lo stesso account su più dispositivi

prev
Articolo Successivo

Amazfit Bip Lite è lo smartwatch da 60 euro che pesa 32 grammi e ha un’autonomia di 45 giorni

next