Una rimonta storica, di quelle entrate di forza nella storia della Formula 1. Sebastian Vettel ha concluso i 64 giri del Gran Premio di Germania al secondo posto dopo essere partito dall’ultima posizione. La corsa è stata vinta da Vertappen, su Red Bull, con l’altro ferrarista Leclerc uscito di pista quando era al secondo posto. Stessa identica sorte per Bottas su Mercedes, fuori  quando stava per assaporare il podio e la distanza dimezzata dal suo compagno di squadra Hamilton nella classifica iridata. Il campione del mondo, infatti, è arrivato nelle ultime posizioni, dopo una corsa piena di problemi e a causa anche di una penalità di 5 secondi. Sul podio anche la Toro Rosso di Daniil Kvyat. Quarto posto per il canadese della Racing Point, Lance Stroll, che si è lasciato alle spalle lo spagnolo della Renault, Carlos Sainz e l’inglese della Toro Rosso, Alexander Albon. Gara ricca di colpi di scena e condizionata dalla pioggia a intermittenza e dai tanti ingressi delle safety car virtuali e no, in seguito agli errori dei piloti condizionati dai cambiamenti della pista. Come detto, giornata sfortunata per l’altro pilota della Rossa, Charles Leclerc, fuori poco prima di metà gara, dopo essere finito contro i pannelli pubblicitari dell’ultima curva: macchina incastrata e gara finita per lui quando era in seconda piazza dietro la Mercedes del campione del mondo Lewis Hamilton. Poco dopo sbaglia anche il 5 volte iridato che riesce però a ripartire ma compromette la gara rovinando la monoposto finendo 11° e fuori dai punti. A completare il pessimo Gp delle frecce d’argento il testa-coda del finlandese Valtteri Bottas a sette giri dalla fine, quando era 4°, nella stessa curva del compagno di squadra. Hamilton mantiene la leadership del mondiale con 223 punti, 39 in più di Bottas e 62 in più di Verstappen.

RISULTATI E CLASSIFICA

LA CRONACA DELLA GARA
Va detto subito: è stata una delle gare più emozionanti degli ultimi anni. La pioggia è stata la grande protagonista di giornata in Germania. A Hockenheim il via è slittato di qualche minuto a causa di un acquazzone, con le monoposto che hanno effettuato alcuni giri alle spalle della safety car. I commissari di gara hanno comunque deciso per la partenza dalla griglia. Lewis Hamilton, scattato dalla pole, ha mantenuto il comando precedendo il compagno di team Valtteri Bottas. Male Max Verstappen. Ha recuperato subito posizioni la Ferrari di Charles Leclerc, partito decimo. Ottima partenza e subito in rimonta Sebastian Vettel, scattato dall’ultima casella. Nel corso del terzo giro nuovo ingresso in pista della safety car a causa del testacoda di Sergio Perez, finito contro il muro con la Racing Point. Le due Mercedes e le Ferrari ne hanno approfittato per effettuare il pit stop.

VETTEL: “SONO SODDISFATTO, GARA INFINITA”
“Sono davvero soddisfatto, è bello partire ventesimo e arrivare secondo. È stata una gara davvero lunga a un certo punto pensavo non finisse più”. Sebastian Vettel ha commentato così il suo secondo posto in rimonta nel Gp di Germania. “Gara dura ma sono davvero felice – ha proseguito il tedesco della Ferrari – Ho perso un po’ di tempo nella prima parte di gara per prendere la mano con le gomme intermedie. Dopo l’ultima safety car ho capito che potevo rimontare perché vedevo che ero veloce e ce l’ho fatta. Congratulazioni a Max è stato davvero bravissimo“.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

F1 Gran Premio di Germania, Hamilton in pole. Disastro Ferrari: Vettel e Leclerc fermati da guasti alle macchine

prev
Articolo Successivo

F1, Gp di Ungheria: pole position di Verstappen davanti a Bottas e Hamilton. Poi le due Ferrari

next