Il campione del mondo in carica e leader del Mondiale, Lewis Hamilton, ha conquistato la quarta pole position consecutiva e domani partirà per primo nel Gran Premio di F1 di Germania. L’inglese della Mercedes ha girato in 1’11″767, precedendo l’olandese della Red Bull Max Verstappen (1’12″113) e il finlandese Valtteri Bottas (1’12″129). Giornata da dimenticare invece per le Ferrari entrambe bloccate da problemi tecnici: Charles Leclerc non è riuscito a scendere in pista nel Q3 per problemi tecnici alla sua macchina e domani in griglia scatterà decimo. Ancora peggio è andata a Sebastian Vettel, che ha alzato bandiera bianca già nel Q1, anche lui per un guasto al turbo, e domani partirà ultimo.

“Appena uscito dai box ho perso potenza e sono dovuto rientrare. Mi sento vuoto, è una delusione amara”, ha spiegato Vettel. “Pensavo di avere ottime possibilità perché la macchina andava bene. Ora devo aspettare domani”. Sembrano quindi deluse tutte le sue aspettative della vigila: nei giorni scorsi aveva dichiarato infatti di esser pronto a riscattarsi proprio qui, in “casa sua”, dove è iniziato l’anno scorso il suo periodo nero, quando commise un errore mentre era al comando della gara e fu costretto a ritirarsi, cedendo il podio ad Hamilton.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Formula 1, vedere certe lotte in pista dà soddisfazione. Peccato per le strategie Ferrari

prev
Articolo Successivo

Sebastian Vettel, rimonta storica: nel Gp di Germania il ferrarista parte ultimo e arriva secondo dietro Verstappen

next