“Deciderà il Parlamento, non c’è nessuna giravolta. Non abbiamo i numeri per fermare il Tav? Vedremo”. Così, con queste poche parole il Ministro m5s Riccardo Fraccaro si congeda dai giornalisti che lo intercettano al termine di una cena nel cuore di Roma. Fraccaro è assieme a Buffagni, ai capogruppo di Camera e Senato, D’Uva e PatuanelliPaola Taverna e Pietro Dettori. Di lì passa anche Michele Dell’Orco sottosegretario di Toninelli al Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, già pesantemente criticato ieri da Massimo Bugani Fare un passo indietro da sottosegretario dopo le parole di Conte? Il Parlamento dovrà votare per annullare questi trattati. Saremo in minoranza? Mi interessa che il Movimento mantenga la coerenza con quanto detto in questi mesi”. Toninelli è ministro delle Infrastrutture e resterà ministro delle Infrastrutture”, afferma Stefano Patuanelli, che i rumors danno come possibile sostituto proprio di Toninelli al ministero delle Infrastrutture: “Non parlo dei se”, si congeda velocemente dalle domande. Sul Tav “il Parlamento è sovrano” si arrende il sottosegretario 5 Stelle Stefano Buffagni. “Io rimango no Tav tutta la vita e non sono d’accordo con le parole di Conte secondo il quale ‘dire no costerebbe di più che proseguire l’opera’ io spero che ci sia in Parlamento una convergenza contro il Tav per il bene del paese, perché è un’opera inutile”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L'abbiamo deciso perchè siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un'informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Tav, lo sfogo di Airola (M5s): “Di Maio pilatesco. Conte mal consigliato, si poteva fermare”

next
Articolo Successivo

No Tav, annunciata nuova protesta: “Migliaia al cantiere, il M5s cerca solo di salvare faccia”. Le reazioni 5stelle, Morra: “Serve chiarezza”

next