Chi ha un vecchio televisore che funziona ancora bene, e sogna di disporre delle funzioni di una smart TV, accoglierà con interesse l’arrivo della JBL Link Bar, una soundbar con a bordo Android TV e Google Assistant. Si tratta di una “barra” che si collega al TV e che tipicamente integra il necessario per riprodurre suoni di maggiore qualità rispetto al televisore. In questo caso, oltre alla qualità del suono tipica del marchio JBL, si avrà l’esperienza di Android TV. Il dispositivo è talmente versatile che può essere utilizzato anche come se fosse un dispositivo Google Home.

Grazie all’integrazione con l’assistente vocale Google Assistant, si potranno impartire comandi vocali per controllare il televisore e i contenuti multimediali ad esso legati, così come tutti i dispositivi connessi alla smart home. Per farlo non è necessario che il televisore sia acceso, perché JBL Link Bar funziona in maniera indipendente.

Una volta installato basterà un comando vocale per avviare la riproduzione musicale, impostare un timer, rispondere a delle domande o riaccendere la TV. Non mancano ovviamente la connettività Wi-Fi, Bluetooth, l’integrazione con Chromecast e gli ingressi HDMI. Con un solo strumento si possono avere a disposizione tutte le funzionalità ben note dell’Assistente di Google, di Google Play e della Chromecast, oltre ad avere un hub centrale a cui collegare tutti i dispositivi domestici intelligenti e le console di gioco.

Google ha annunciato ufficialmente l’arrivo di JBL Link Bar sul suo blog ufficiale, per chi fosse interessato il dispositivo è disponibile negli Stati Uniti già da qualche giorno a un prezzo di 399 dollari. Restiamo in attesa di informazioni per la vendita in Italia.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

I nostri dati anonimi non sono poi così anonimi, dicono gli scienziati dell’Imperial College londinese

prev
Articolo Successivo

Samsung Galaxy A80, lo smartphone con fotocamera rotante che affascina, ma costa tanto

next