Conversare con una persona che parla una lingua sconosciuta potrebbe essere presto più semplice del previsto. In occasione del Consumer Electronic Show di Las Vegas, infatti, Google ha annunciato una “modalità interprete” del suo software di traduzione, che funziona sui dispositivi Google Home e sugli Smart Display come Google Home Hub. Per attivarla sarà sufficiente pronunciare il comando: “Hey Google, fammi da interprete in francese” (per esempio), e verrà avviata la traduzione in tempo reale di quello chi viene detto dagli interlocutori.

Stando a quanto riferito dal quotidiano inglese The Telegraph, alcuni hotel di Las Vegas, San Francisco e New York stanno sperimentando il sistema. Ed è proprio alle reception degli hotel che ha guardato il colosso dell’informatica pensando a questo servizio. L’obiettivo primario, infatti, è quello di comunicare in maniera più semplice con i clienti ai banchi di concierge degli alberghi. La tecnologia potrebbe anche essere utilizzata negli aeroporti e nelle stazioni ferroviarie.

La novità rispetto al tradizionale Traduttore di Google, è che gli altoparlanti a comando vocale di Google Home dovrebbero consentire a due persone che parlano lingue diverse di tenere conversazioni in tempo reale. Le fonti riferiscono che al momento sono supportate 27 lingue, e l’azienda promette che la modalità interprete è in grado di effettuare le traduzioni in tempo reale con la stessa accuratezza degli interpreti professionisti. Siamo curiosi di provarlo per capire fino a che punto arrivi tale precisione, oltre alla tempestività nella traduzione.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Notebook ultrasottile Dell XPS 13 rinnovato, la webcam torna al suo posto ed esordisce il Dolby Vision

prev
Articolo Successivo

Gli smartphone con riconoscimento facciale non sono tutti uguali, la tecnologia può fare la differenza sulla sicurezza

next