Dopo che Il Fatto Quotidiano ha dato notizia del report del fondo statunitense Quintessential sui conti di Bio-On, l’azienda bolognese ha diffuso due comunicati in cui “smentisce totalmente le affermazioni che attribuirebbero al management della Società comportamenti scorretti e che la Società stia comunicando al mercato informazioni non veritiere“. Poi aggiunge che “quanto pubblicato da terzi è oggetto di valutazione da parte della Società e dei suoi legali ai fini della propria tutela contro potenziali manipolazioni da parte di fondi speculativi” sottolineando che “il fondo che ha diffuso il report ha dichiarato un interesse economico nel movimento del prezzo del titolo oggetto del report stesso, come riportato nel proprio disclaimer”.
In una seconda nota, Bio-On dà conto del fatto che “l’impianto produttivo di PHA costruito da Bio-on S.p.A. in località Castel San Pietro Terme (BO), con capacità annua di 1.000 t/y, è operativo e in produzione”. La produzione sinora raggiunta “è stata al momento utilizzata dalla Società per la realizzazione di prodotti solari nell’ambito della joint venture Aldia S.p.A. in partnership con Unilever (comunicati del 28 gennaio 2019 e 8 aprile 2019) e di arredamento nell’ambito della partnership con Kartell S.p.A. (comunicato 8 aprile 2019), già in vendita sul mercato”. La società “precisa, inoltre, di avere approvato in data 30 aprile 2019 il proprio bilancio di esercizio al 31 dicembre 2018, contenente altresì dati e informazioni sulle joint venture costituite dalla Società nel corso del 2018 con partner di primario standing internazionale, pubblicato in pari data sul sito internet della Società. Il bilancio è stato certificato dalla società di revisione E&Y, che ha emesso relazione senza rilievi, parimenti pubblicata sul sito internet della Società”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Libra, ministri del G7 contro Facebook: “Sovranità delle nazioni non può essere messa a rischio, agire rapidamente”

prev
Articolo Successivo

Istat: “A luglio aumento dell’indice di fiducia dei consumatori e delle imprese. Ma lieve flessione per quelle manifatturiere”

next