Il Mit (Movimento Identità Trans) ha denunciato “l’aggressione trasnfobica di una trans sex worker sudamericana regolarmente soggiornante” a Bologna. Secondo la denuncia dell’associazione una coppia italiana, un uomo e una donna, alcuni giorni fa ha adescato la trans in strada per avere una prestazione, salvo poi attirarla in una trappola e picchiarla, insieme ad altre due persone armate di spranghe.

“Oggi Desy è a casa con grosse contusioni sulle braccia e sulle gambe”, si legge nel post di denuncia del Mit su Facebook. “Non riesce a camminare. Desy (nome di fantasia) ha paura di rivolgersi al pronto soccorso e di denunciare l’aggressione alle autorità competenti. Come Movimento Identità Trans non possiamo non classificare questo episodio se non come di chiara matrice fascista”. Solo pochi giorni fa Gay Lex aveva denunciato un’aggressione simile a Bologna nei confronti di un ragazzo pestato perché vestito da donna. “Ricordiamo”, continua il post del Mit, “che in Italia l’esercizio della prostituzione dopo la cosiddetta legge Merlin non è più regolamentata ma è in un limbo giuridico. Sono perseguibili dalla legge il favoreggiamento e lo sfruttamento della prostituzione, invece l’esercizio di quest’ultima tra persone adulte è dichiarata lecita dalla sentenza della Corte di Cassazione 1 ottobre 2010 nr. 20528. Le attuali norme non garantiscono la sicurezza per le persone che praticano il sex work. Per questo auspichiamo un dibattito pubblico sul tema meno ipocrita e davvero attento ai bisogni di chi esercita il lavoro della prostituzione”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Calo delle nascite, così la Francia ha invertito la tendenza. Su FQ MillenniuM in edicola

prev
Articolo Successivo

Codice rosso, la legge contro la violenza di genere è la più grande sciocchezza del mondo

next