MSI dedica ai professionisti della creatività il nuovo notebook P75 Creator, un esponente della gamma Prestige che si rivolge alle persone che necessitano di un portatile con uno schermo molto ampio per lavorare. La dotazione include infatti un display IPS con cornici ultrasottili, diagonale di 17,3 pollici e risoluzione Full HD. Larghezza e profondità della base sono proporzionate al display, lo spessore è di 18,9 millimetri e il peso di 2,2 Kg, che per un prodotto come questo sono da considerarsi buoni.

Oltre allo schermo, infatti, content creator, designer, fotografi, specialisti di animazione 3D, illustratori, eccetera, hanno bisogno di molta potenza di elaborazione, il che significa componenti che scaldano molto e che devono essere raffreddati con sistemi di dissipazione spesso corposi. La dotazione in questo caso comprende il processore Intel Core i7 9750H di ultima generazione, affiancato dalla scheda grafica Nvidia GeForce RTXTM 2060. Il produttore promette un’autonomia fino a 8 ore, che va verificata prima di essere data per buona, considerati i componenti installati.

Chi fosse interessato a valutare l’acquisto dovrà attendere il mese d’agosto, e mettere in preventivo una spesa a partire da 2.149 euro, comprensiva di mouse, sacca per il trasporto, cuffie per il gaming e un gadget.

Chi reputa troppo ingombrante da trasportare un notebook da 17 pollici, in alternativa può puntare su un modello della serie P65 Creator, caratterizzata da workstation con schermi da 15,6 pollici Full HD. Anche in questo caso l’equipaggiamento comprende processori Intel Core i7 9750H di ultima generazione e grafica Nvidia GeForce RTXTM 2060. In questo caso i listini partono da 2.099 euro.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Xiaomi Mi A3 è lo smartphone da 250 euro con Android One in vendita dal 25 luglio

prev
Articolo Successivo

L’Intelligenza Artificiale analizza Twitter e sa chi si allena di più, dove abita e se preferisce correre o nuotare

next