“Affideresti un bimbo o una bimba a una coppia di questo genere? Noi sì”. La frase è scritta su un cartellone, affisso in piazzale Baiamonti a Milano, con i volti dei due vicepremier Matteo Salvini e Luigi Di Maio e fa parte della campagna di comunicazione per le adozioni a distanza di ActionAid. La campagna si chiama “Ogni coppia può” e mira a sostenere i bambini senza diritti in tutto il mondo: “Cerchiamo coppie di ogni genere perché per noi #ognicoppiapuò“, si legge sul sito dell’organizzazione.

La bambina che potrà essere sostenuta a distanza dalla coppia Salvini-Di Maio si chiama Thila e vive in Senegal: l’organizzazione internazionale nella mattina di martedì ha consegnato nelle sedi di partito dei due leader il dossier di attivazione del sostegno a distanza a loro nome, con le informazioni relative alla bimba e al contesto in cui vive. “Prendersi cura e esercitare la propria responsabilità verso i più piccoli e indifesi, ovunque essi siano. È questo il terreno su cui sfidiamo i due leader, saranno interessati a occuparsi di Thila? Ci aspettiamo un gesto dal forte impatto da parte di Salvini e Di Maio che sensibilizzi l’opinione pubblica perché nel mondo sono 200 milioni i bambini che vivono senza diritti. Un’ingiustizia che può essere cambiata anche grazie al sostegno a distanza”, afferma Raffaella Lebano, Vice Segretaria di ActionAid.

“Da anni – prosegue Lebano – ActionAid sostiene le battaglie di chi come noi lotta affinché tutte le persone abbiano gli stessi diritti. Per questo sentiamo il bisogno di esprimere il nostro sostegno a quelle coppie e quei bambini che non possono ancora diventare una famiglia, secondo le leggi del nostro Paese. Crediamo che ogni persona o coppia di qualsiasi genere possa dare amore a un bambino e che ogni bambino meriti di riceverlo”. In Italia, infatti, l’adozione da parte di coppie dello stesso sesso non è ancora riconosciuta a livello legislativo ed è sempre stata avversata da diverse forze politiche, a partire dalla Lega di Matteo Salvini.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

SALVIMAIO

di Andrea Scanzi 12€ Acquista
Articolo Precedente

Milano, la storia di Loredana Pizzino: da piccola si ammala di diabete e perde la vista, ora a 51 anni si diploma

next