È stato un tweet d’indignazione a raccontare quanto accaduto su un mezzo Flixbus: alla guida c’era un autista italiano con un tatuaggio nazista in bella mostra. “Come è possibile che uno dei vostri autisti Flixbus possa avere un simile tatuaggio? È compatibile con i valori della vostra impresa?” ha commentato l’utente sopra alla foto dell’avambraccio, su cui si legge chiaramente la scritta in caratteri gotici “Mein Kampf”, che ha postato su Twitter.

È successo sulla tratta Tolosa-Milano, sulla quale la viaggiatrice ha scattato la foto, condivisa migliaia di volte e diventando virale. La società tedesca Flixbus ha in effetti confermato che ieri al volante di uno degli autobus del suo servizio c’era un uomo che si era fatto tatuare il titolo del libro manifesto del dittatore nazista Adolf Hitler, poi ha raccolto le polemiche e ha licenziato l’autista. “Abbiamo parlato con i nostri partner – ha fatto sapere l’azienda spiegando che l’uomo al volante era dipendente di una compagnia italiana alla quale era stato subappaltato il viaggio – e abbiamo preso misure perché questo autista sia sospeso e non possa più lavorare con noi”. Le dichiarazioni di Flixbus non sono state accettate da molti utenti che le hanno considerate deboli e la stessa compagnia di trasporti ha ammesso che la sua è stata “una risposta maldestra“. E aggiunge: “Abbiamo sbagliato nella comunicazione e ce ne scusiamo, volevamo solo ricordare che Flixbus è contro ogni forma di razzismo“.

 

 

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Ragusa, ragazzini travolti dal Suv: l’auto piomba sulla stradina e poi sbanda. Le immagini dell’incidente

next
Articolo Successivo

Migranti, a Lampedusa due mini-sbarchi: recuperati in 21, a bordo anche minori

next