L’agenzia di rating canadese Dbrs conferma la propria valutazione sull’Italia a ‘BBB (High)’, con trend stabile. La valutazione di Dbrs sull’Italia prende in considerazione i progressi fatti dal settore bancario, con un miglioramento della qualità del credito, le promesse del governo di una politica di bilancio più prudente e i rischi mitigati per la sostenibilità del debito.

Il rating viene dunque confermato nonostante – sottolinea Dbrs – la persistente incertezza politica nel nostro Paese e una crescita economica più bassa delle previsioni. Per l’agenzia è improbabile che l’attuale governo giallo-verde arrivi alla fine della legislatura e si prospettano elezioni anticipate che – si sostiene – potrebbero portare a un nuovo governo con un’agenda più uniforme e più a favore delle aziende. Dunque – si aggiunge – più favorevole per la crescita.

Lo scorso autunno, l’agenzia canadese si era detta non “eccessivamente preoccupata per il previsto deterioramento del deficit” nei conti pubblici italiani, “a condizione che i fondamentali economici non peggiorino”. E aveva giudicato “ottimistiche” le ipotesi di crescita contenute nella Manovra, definendo “improbabile” che le misure “sotto forma di maggiori investimenti infrastrutturali e trasferimenti sociali abbiano un impatto materiale sull’economia reale fino al 2019 o successivamente”.

Nel report sull’Italia dal titolo Guardando oltre il rumore politico si leggeva inoltre: “Se è improbabile che l’atteso deterioramento fiscale abbia un impatto negativo immediato sul rating sovrano italiano – era la conclusione – un’inversione inattesa dei recenti progressi economici potrebbe averlo”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Bollette a 28 giorni, Consiglio di Stato boccia i ricorsi delle compagnie. Ora dovranno indennizzare i clienti

next