C’è una buona notizia per chi odia le password: nel blog ufficiale di Windows Insider, Microsoft ha pubblicato una funzione che permette di disabilitare le password di accesso ai propri dispositivi Windows 10 e di impostare al loro posto il riconoscimento facciale, il rilevamento delle impronte digitali, un codice PIN o una chiave di sicurezza fisica.

La funzione è in fase di test avanzato, non sappiamo quando sarà distribuita, e al momento potrebbe essere soggetta a malfunzionamenti. Si ricorda, infatti, che Windows Insider è un programma di collaudo software che consente ai volontari di iscriversi e di ricevere in anteprima funzioni ancora in fase di sviluppo. Non è riservata agli sviluppatori, quindi chiunque sia in possesso di una regolare licenza di Windows può iscriversi, ma non è detto che tutti hanno visibilità di tutte le novità in test. Spesso, come in questo caso, sono visibili solo a una piccola porzione degli iscritti.

Nella breve descrizione si legge che l’idea di depennare la password di accesso al sistema e “per una maggiore sicurezza e un’esperienza di accesso più semplice“. È doveroso sottolineare che per disporre dell’autenticazione mediante riconoscimento facciale si deve avere un computer con la webcam abilitata per Windows Hello. Allo stesso modo, ier sfruttare il riconoscimento delle impronte digitali è indispensabile che il computer abbia in dotazione lo scanner apposito, configurato e funzionante. Chi è iscritto al programma Windows Insider può attivare questa novità aprendo la finestra Impostazioni e da lì selezionando la voce Account, quindi quella Opzioni di accesso.

Da notare che questa non è la prima mossa di Microsoft nell’ottica di un mondo di PC senza password. Tempo fa aveva cambiato le linee guida sulla sicurezza di Windows 10 togliendo l’obbligo del cambio password obbligatorio ogni 60 giorni per i PC aziendali.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Google Lens svela chi ha creato le opere d’arte che state guardando

prev
Articolo Successivo

Manuale originale dell’Apple-1 battuto all’asta per 12.296 dollari

next