Ha preso il via con lo slogan “il confronto non ha nemici” la terza edizione del festival “Come il vento nel mare”, che continuerà fino all’11 agosto. Tutti gli eventi della manifestazione culturale, che comprendono incontri dedicati ai libri, alla politica, alla satira, ai fumetti fumetti, all’attualità e anche al jazz, si terranno principalmente sul lungomare di Latina. Nella serata di apertura dell’11 luglio si inizierà alle 21,30 con i fumetti di Simona Binni e Fabrizio Gargano, che poi cederanno il palco a Dacia Maraini in dialogo con Claudio Volpe.

Il festival, voluto dall’imprenditore Vito Miceli, organizzato da Giovanna Cunetta e diretto da Andrea Alicandro apre quest’anno alla Provincia e vuole ricordare che la cultura porta sviluppo, anche economico. L’epicentro degli eventi è l’Hotel Miramare di Capoportiere sul Lungomare di Latina, a cui si aggiungono le serate programmate nei vicini centri di Minturno, Sabaudia e Cori.

La novità dell’edizione 2019 di “Come il vento nel Mare” è comunque l’arricchimento del programma con una rassegna dedicata al panorama del jazz . Si tratta della prestigiosa “I suoni del Lago…oltre il giardino”, diretta dal maestro Piero Cardarelli, con concerti al Belvedere Sabaudia e al Parco Nazionale del Circeo, che vanno dal 12 luglio al 10 agosto e che comprende anche esibizioni di tanto, new tango e blues, con musicisti contemporanei da Rita Marcotulli a Danilo Rea.

Per quanto riguarda i libri, tra i portagonisiti delle presentazioni e degli incontri ci sarà Dacia Maraini. Mentre presenzieranno agli eventi dedicati alla politica il deputato leghista Claudio Durigon, l’eurodeputato Massimiliano Smeriglio del Pd,  Antonio Tajani. Francesco Rutelli parlerà di storia, mentre Gennaro Sangiuliano e Maria Elena Capitanio si dedicheranno all’attualità. Protagonisti degli eventi dedicati alla satira saranno Vincenzo Sparagna, storica matita del Male e Mario Natangelo, vignettista del Fatto Quotidiano.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Sbarco sulla Luna, blog e articoli. Una spiegazione per chi non capisce (o finge di non farlo)

prev
Articolo Successivo

Fondi russi alla Lega, Tg2 ne parla per 33 secondi in 2 edizioni. Senza dare la notizia

next