Lega e M5s tornano a scontrarsi sugli aiuti alle famiglie, dopo che l’argomento, finita la campagna elettorale per le Europee, era stato accantonato. Due giorni dopo la diffusione dei dati Istat sul declino demografico, il ministro leghista della Famiglia Lorenzo Fontana ha annunciato che l’esecutivo lavora all’erogazione di nuovi fondi: “Il governo”, ha detto intervistato dal Tg5, “lavora a un assegno unico che va dai cento ai trecento euro per ogni figlio dai zero fino ai 26 anni: credo che in questo modo riusciremo a contrastare il calo demografico. Tenteremo anche a livello europeo di far capire alla commissione Ue che gli incentivi alla natalità devono essere considerati come un investimento”.

L’annuncio ha innervosito il Movimento 5 stelle, che a inizio maggio aveva ipotizzato l’investimento dei risparmi dal fondo per il reddito di cittadinanza proprio sugli aiuti per le famiglie: “Aspettiamo di leggere la proposta di Fontana”, hanno dichiarato fonti vicine al vicepremier Luigi Di Maio con le agenzie di stampa, “che non abbiamo visto, ma basandoci sulle dichiarazioni da quel che ci risulta il suo annuncio arriverebbe a costare quasi 60 miliardi. La politica si fa con i fatti non a parole”. E ancora: “La proposta di Di Maio è molto più ragionevole e concreta. Noi lavoriamo, se qualcuno gioca a tombola non è un nostro problema, dispiace per le famiglie che si sentono prese in giro da questi annunci”. Poco dopo è intervenuta la viceministra dell’Economia Laura Castelli: “Da un rapido calcolo sulla base dei dati Istat, considerata una platea di 15 milioni di residenti, l’assegno unico avrebbe un costo che oscilla tra i 18 ed i 54 miliardi di euro. Considerato che siamo politicamente d’accordo sull’assegno unico dobbiamo capire esattamente a quale platea si riferiva il ministro e quali misure verrebbero eventualmente assorbite”.

Fonti del Carroccio hanno quindi controreplicato: “Sorprendenti le dichiarazioni del M5s che l’11 aprile, alla Camera, ha votato per impegnare il governo a istituire l’assegno unico, esattamente la proposta del ministro Fontana. Oggi contestano una misura che hanno promesso alle famiglie. Siano coerenti e diano un contributo per mantenere le promesse. Chi gioca a tombola è il M5s, è un’idiozia dire che la misura costa 60 miliardi”, aggiungono. “Ricordiamo inoltre che il governo si è impegnato – nella stessa mozione, votata anche dal M5s – a reperire ulteriori risorse, anche sostenendo lo scorporo degli investimenti pro-famiglia e pro-natalità dai vincoli del patto di stabilità e crescita europeo”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

La giravolta di Renzi sui migranti, quando nel 2018 diceva: “Grazie Minniti e Gentiloni per lo straordinario lavoro”

prev
Articolo Successivo

Pd, Lotti a ruota libera: “Subito violenza privata”. E sui vertici dem: “Festival dell’ipocrisia. Due pesi e due misure”

next