Canon intende avviare una campagna di finanziamento su Indiegogo per quella che definisce la “fotocamera definitiva da usare ovunque”. Si chiama Canon IVY REC e dalla descrizione potrebbe essere una futura concorrente della GoPro. Viene definita come un prodotto “leggero, compatto e robusto”, antiurto, impermeabile fino a 30 minuti in immersione a una profondità massima di un metro. Quel che è certo è che ha un aspetto decisamente inusuale: sembra una chiavetta USB con un moschettone incorporato per agganciarla, ad esempio, ai vestiti.

Le informazioni per ora sono poche: si sa che sarà dotata di un sensore CMOS pollice da 13 megapixel, capace di registrare video a 1080p fino a 60 fotogrammi al secondo e catturare immagini fisse. È dotata di connettività Bluetooth e visualizza le anteprime dal vivo sullo smartphone tramite l’app CanonMini Cam.

C’è un connettore per il microfono e un aggancio che sembra un attacco standard per treppiede. Purtroppo le uniche immagini finora disponibili sono quelle pubblicate in questa notizia, da cui è difficile capire di più. Non c’è nemmeno il prezzo, solo la nota che promette ai primi finanziatori di avere il prodotto con uno sconto del 30 percento quando sarà disponibile.

Ricordiamo che le campagne di finanziamento su Indiegogo e siti affini sono un ottimo strumento non solo per raccogliere fondi, ma anche per saggiare l’interesse del pubblico verso un determinato prodotto: quando la campagna supera anche di molto la somma richiesta, prima del termine, può indicare un successo di vendite.

Non stupisce quindi la scelta di Canon, che peraltro non è la prima grande azienda a pensare a una fotocamera portatile a clip. Ad esempio l’anno scorso Google propose sul mercato statunitense la smart camera Google Clip  ma non ebbe grande successo, forse per il prezzo di 250 dollari che ha scoraggiato i potenziali acquirenti.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

HP Sprocket Studio stampa le foto direttamente dallo smartphone

prev
Articolo Successivo

Il mini robot del MIT che costruisce altri robot è un’idea con grande potenziale

next