Milano sarà protagonista di una delle iniziative più interessanti degli ultimi anni nell’ambito fashion. Startupbootcamp, fra i più importanti acceleratori mondiali di startup, ha annunciato FashionTech, un programma di accelerazione verticale indirizzato alle startup che innovano nel settore della moda. Possono accedere tutte le aziende del mondo che rispondono ai requisiti richiesti.

Saranno selezionate le 10 migliori, che potranno beneficiare di strumenti software, collaborare con partner e incontrare investitori, con l’obiettivo di creare prodotti e servizi fortemente innovativi. Chi ha l’ambizione di diventare FashionTech leader del settore potrà partecipare a una delle tappe del tour internazionale FastTrack, che si fermerà anche ad Amsterdam, Londra, Kiev, Berlino, Parigi, Tel Aviv, Lisbona, Roma, eccetera. In tutte queste città, Startupbootcamp ospiterà un evento FastTrack in cui le startup locali potranno presentare la propria idea, ricevere feedback individuali, conoscere il programma e collegarsi con altri imprenditori locali. Chi preferisce potrà in alternativa partecipare a uno degli eventi online denominati Startupbootcamp Connect.

Foto: Depositphotos

Alla fine del percorso le 10 aziende selezionate potranno presentare le proprie idee innovative di fronte a centinaia di investitori, partner e mentori nel Demo Day conclusivo.

Le aree in cui sono coinvolte le startup candidate sono Produzione sostenibile di tessuti e abbigliamento, Materiali intelligenti, Tecniche di produzione guidate digitalmente, wearables (indossabili), Trasparenza e tracciabilità della supply chain, Retailtech e Commerce, Esperienza e coinvolgimento del cliente e Riciclaggio, gestione dei rifiuti e circolarità.

Il programma prevede corsi di perfezionamento con esperti di vari settori, dai tessuti al modello di business, un programma di 3 mesi progettato appositamente per supportare gli imprenditori, con accesso a una rete globale di mentori, partner, esperti di settore in ​​oltre 40 paesi. Per tutto il periodo saranno istituiti spazi di coworking con postazioni per tutto il gruppo di lavoro, e 15.000 in contanti per consentire a ciascun gruppo di coprire le spese di soggiorno.

Fra i modelli di business e le tecnologie che saranno abbracciate dal programma ci sono Intelligenza Artificiale, Robotica, Internet degli Oggetti, blockchain, realtà mista. I partner aziendali includono marchi quali Accenture, Coin, Fondazione Industrie Cotone e Lino, Gruppo Prada, PWC, Sopra Steria, Stealth di DedaGroup, Stone Island, Unilever e Withers in tutto il mondo.

Il centro di tutto, come accennato, sarà Milano, per la lunga tradizione che vanta nel settore della moda, perché il “Made in Italy” è simbolo di eccellenza, qualità e tradizione. Milano è il luogo in cui artigianato, visione e affari si uniscono, e per questo è stato ritenuto il luogo ideale in cui apprendere il mestiere di produzione nel mondo della moda. L’iniziativa si propone nei prossimi tre anni, dal 2019 al 2022, di accelerare 30 startup innovative capaci di plasmare il presente e il futuro del settore moda.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Microsoft annuncia Xbox Scarlett e una montagna di videogiochi all’E3 di Los Angeles

prev
Articolo Successivo

Notebook ultrasottile Asus ZenBook S13 in vendita a 1.800 euro

next