Se state cercando un paio di occhiali da sole che facciano anche da cuffie per la musica e le telefonate, gli OptiShokz Revvez di AfterShokz potrebbero fare al caso vostro. Il nome è poco attraente, ma l’aspetto è moderno e la funzionalità apprezzabile. Sono frutto di un progetto di finanziamento condiviso su Indiegogo e gli utenti della piattaforma ne sono stati entusiasti.  A 34 giorni dalla fine della campagna, il budget richiesto è stato ampiamente superato – sono stati raccolti 173mila dollari, contro i 50mila dollari richiesti. Tanto basta per assicurare che gli occhiali verranno prodotti; le prime unità dovrebbero essere consegnate a giugno.

Il motivo di tanto interesse è che non si tratta di occhiali normali. Le bacchette integrano un sistema per la conduzione ossea dei suoni: chi li indossa può sentire voce e musica senza bisogno di altoparlanti o cuffie. Il suono viene trasmesso direttamente dai trasduttori alla cartilagine dietro all’orecchio. Il vantaggio principale delle soluzioni come questa (che non è una novità assoluta) è che si ha sempre una perfetta percezione del rumore circostante, quindi non si corrono i rischi dati dall’isolamento acustico generato dalle cuffie.

 

Riguardo alla qualità del suono, è doveroso precisare che i prodotti a conduzione ossea non assicurano la stessa qualità audio delle cuffie tradizionali. Però nel corso degli anni sono migliorati molto e adesso la qualità è più che accettabile, se non siete audiofili.

In teoria questi occhiali sono indirizzati a ciclisti, appassionati di corsa, escursionisti, golfisti, sciatori e sportivi in generale, che possono ascoltare l’audio ed effettuare chiamate in movimento senza altri accessori per le mani. La parte terminale delle bacchette, dove si trova l’elemento di conduzione ossea, è pieghevole in modo da fissarsi sul retro dell’orecchio e non muoversi con salti o altri movimenti.

In realtà il design alla moda li rende adeguati anche all’uso in città. Le lenti sono realizzate in policarbonato UV400, sono intercambiabili e si può scegliere fra 5 colori. Purtroppo non si possono montare lenti correttive per la vista, e questo potrebbe essere una grave mancanza per chi ha difetti visivi. I naselli sono personalizzabili, e chi vuole può chiedere il trattamento polarizzato per le lenti (costa 15 dollari).

La connessione con il supporto di produzione (per esempio lo smartphone) avviene tramite Bluetooth 5.0, la certificazione IP55 li rende resistenti al sudore e l’autonomia dichiarata in riproduzione è di 6 ore (per la ricarica occorrono 2 ore). Il peso di 48,5 grammi è tollerabile e la garanzia di due anni è benvenuta. Veniamo al prezzo. Quando saranno in commercio costeranno 199 dollari, mentre per chi sta finanziando la campagna su Indiegogo scende a 99 dollari. Insomma, se vi interessano conviene affrettarsi.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Fra cuffie e smartwatch, i dispositivi indossabili sono sempre più irresistibili

next
Articolo Successivo

La connettività 5G arriverà anche sui notebook, a che punto è lo sviluppo

next