“Che coraggio che hai avuto a fare un figlio, e che coraggio a farne due!”.

La sintesi dell’ultima indagine dell’Istat, che certifica il declino demografico dell’Italia (in 5 anni è scomparsa una città come Palermo) sta tutta qua: nell’idea che per fare uno o più figli oggi occorra avere coraggio.

Mi sorge il dubbio: sarà mica perché dopo il risicatissimo bonus bebè e il “bizzarro” bonus per le mamme che decidono di lasciare il lavoro per accudire i figli, l’ultima trovata per incentivare la crescita demografica non è stata altro che date terreni gratis a chi fa il terzo figlio?

In effetti è proprio così, già da tempo fare figli in Italia significa assumersi un rischio ben preciso: quello di fare la fame. E’ il rischio più vecchio del mondo ma è proprio quello che non ti aspetti nel XXI secolo, in un paese europeo. Eppure la coincidenza tra l’indice di povertà infantile e la disoccupazione, soprattutto delle madri, è stata più e più volte fotografata dall’Atlante dell’infanzia a rischio di Save the Children. La realtà non lascia ombra di dubbio: se fai figli sei più povero, ci stai?

C’è chi dice sì e allora – soprattutto se donna – corre il rischio di essere: licenziata perché incinta, non assunta perché incinta, ridimensionata nelle proprie mansioni perché incinta.
E subito dopo: messa in condizioni di non poter conciliare lavoro e famiglia, sola senza sostegni, sola senza nidi comunali, sola senza nonni e dunque (va da sé) sola e senza lavoro.

C’è poi chi dice no, sono le centinaia di persone fotografate dall’Istat, che decidono di non avere figli ma non per giusta e libera scelta ma perché non hanno scelta.

La non-scelta è il fardello che le donne della mia generazione si portano addosso con tutta la rabbia del caso e racconta di colloqui lavorativi basati sulla maturità del proprio apparato riproduttivo, di contratti tarati sul tempo del nostro orologio biologico, di rinvii decisi dopo altri rinvii, perché adesso non è il caso, perché ora non è proprio il momento giusto. E il momento giusto, poi, non arriva mai.

Se ricostruiamo l’immagine della donna alla luce di quel che accade realmente, se la vediamo istruita e magari non più tanto giovane, al suo ennesimo lavoro o al suo ennesimo colloquio di lavoro, col contratto in scadenza proprio come il suo orologio biologico, ci rendiamo conto di quanta frustrazione accompagni la non-scelta delle donne. Perché la paura di diventare genitori è di tutti. Ma la scelta, se diventarlo o meno, dovrebbe essere solo nostra.

Quando si accetta di correre il rischio della maternità le cose non vanno meglio: al lavoro ci sentiamo in dovere di non essere assenti (come se accudire un neonato fosse tempo speso solo per noi), di tornare in pista subito dopo il parto come a dimostrare che possiamo fare tutto e subito, spianando così la strada a un modello di emancipazione fuorviante visto che la legge di maternità non è un privilegio ma un diritto.

E allora, a conti fatti, in Italia oggi siamo tutti un po’ coraggiosi: chi ha voluto rischiare, diventando genitori con i mille problemi del caso, e chi ha deciso di non farlo, perché questo rischio era davvero troppo alto.

In fondo, perché ci chiedete tanto? Non nasciamo per essere coraggiosi, ma per essere felici.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Brescia, nessuno si ferma ad aiutare due ragazze aggredite. Cosa siamo diventati?

prev
Articolo Successivo

Migranti, la Chiesa li ha già integrati. Anche se i fedeli ancora non lo accettano

next