“Come spiegherò a mio figlio la storia della Sea Watch e dei migranti rimasti in mezzo al mare per 17 giorni? Gli dirò con la massima umiltà che papà ha combattuto affinché fosse garantito il più possibile il diritto a casa proprio, che deve essere il diritto principale”. Così l’ex deputatod el M5s, Alessandro Di Battista, ha risposto alle domande del vicedirettore del Fatto Quotidiano Marco Lillo, durante la presentazione del suo ultimo libro  “Politicamente scorretto” (Paper First) al Caffeina Festival a Viterbo. “Il tema dell’immigrazione – ha aggiunto – non va affrontato né con la pancia, né con il cuore, ma con la testa. Con la logica esclusivamente dell’accoglienza o dei buoni sentimenti si possono fare anche tanti danni. Ne hanno fatti anche alcune organizzazioni non governative”

 

 

Sostieni ilfattoquotidiano.it:
portiamo avanti insieme le battaglie in cui crediamo!

Sostenere ilfattoquotidiano.it significa permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti.

Ma anche essere parte attiva di una comunità con idee, testimonianze e partecipazione. Sostienici ora.


Grazie Peter Gomez

Sostienici ora Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Viva la capitana, abbasso il capitano!

next
Articolo Successivo

M5s, Vizzini: ‘Espulsa prima di voto su dl Sicurezza bis, così garantita obbedienza’. Castelli: ‘Non restituiva i soldi’

next