“Come spiegherò a mio figlio la storia della Sea Watch e dei migranti rimasti in mezzo al mare per 17 giorni? Gli dirò con la massima umiltà che papà ha combattuto affinché fosse garantito il più possibile il diritto a casa proprio, che deve essere il diritto principale”. Così l’ex deputatod el M5s, Alessandro Di Battista, ha risposto alle domande del vicedirettore del Fatto Quotidiano Marco Lillo, durante la presentazione del suo ultimo libro  “Politicamente scorretto” (Paper First) al Caffeina Festival a Viterbo. “Il tema dell’immigrazione – ha aggiunto – non va affrontato né con la pancia, né con il cuore, ma con la testa. Con la logica esclusivamente dell’accoglienza o dei buoni sentimenti si possono fare anche tanti danni. Ne hanno fatti anche alcune organizzazioni non governative”

 

 

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Viva la capitana, abbasso il capitano!

prev
Articolo Successivo

M5s, Vizzini: ‘Espulsa prima di voto su dl Sicurezza bis, così garantita obbedienza’. Castelli: ‘Non restituiva i soldi’

next