Sono ormai oltre 24 ore che gran parte dei correntisti di Intesa Sanpaolo (se non tutti), tra cui il sottoscritto, si trovano impossibilitati a utilizzare i servizi di home banking da pc e smartphone legati ai propri conti corrente, quindi impossibilitati a effettuare le operazioni che solitamente possono fare comodamente da casa o da lavoro. Devono per forza recarsi di persona presso una filiale.

Un piccolo spiraglio sembrava offerto dalla possibilità di operare grazie ai codici di sicurezza ricevuti via sms, ma vista in alcuni casi la lentezza dell’invio si rischia di ritrovarsi a ricevere (e utilizzare) un codice ormai non valido dopo aver effettuato la richiesta di uno nuovo, con il rischio di mandare in blocco il proprio account.

Da un gruppo bancario grande, “smart” e attivo sui social come Intesa Sanpaolo però mi sarei aspettato almeno una comunicazione ufficiale ai clienti in merito ai disguidi, una potenziale tempistica di risoluzione: invece il nulla. Niente, né un sms né una mail – sistemi che non si fanno mai problemi a utilizzare quando la comunicazione da effettuare è pubblicità ai propri prodotti o iniziative -, nemmeno un post dedicato alla situazione sulla loro pagina Facebook.

Allo stato attuale, oltre al messaggio “Errore generico. Non è stato possibile recuperare i dati della sessione” dell’app, le uniche comunicazioni sono tre commenti su Facebook su un post pubblicitario legato a un nuovo strumento di business intelligence, l’ultimo dei quali risalente a 20 ore fa, contenenti scuse e inviti a rivolgersi in filiale per effettuare le operazioni. E chi è impossibilitato ad assentarsi da lavoro? Chi si trova lontano da casa, magari all’estero visto il periodo? Problemi suoi.

Scopri InfoVendite

Vuoi personalizzare in modo strategico la tua offerta commerciale? Dai una svolta con InfoVendite, il nostro strumento di Business Intelligence per esercizi commerciali.Messaggio pubblicitario con finalità promozionale.Per le condizioni contrattuali del servizio bancario citato, consulta il Foglio Informativo disponibile sul sito di Intesa Sanpaolo e nelle filiali delle banche del Gruppo Intesa Sanpaolo che lo commercializzano. La vendita dei prodotti e dei servizi è soggetta alla valutazione della banca.

Pubblicato da Intesa Sanpaolo su Venerdì 28 giugno 2019

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Una tecnologia predittiva per evitare ritardi e disagi ai passeggeri degli aerei

prev
Articolo Successivo

Autofocal: gli occhiali con focale variabile, alternativi alle lenti progressive

next