“Ho poco da dire al riguardo. Se la Merkel mi parlerà non lo so dire. Potrebbe essere l’occasione per chiedere se c’è stata l’esecuzione della pena dei due manager della Thyssen. La mia posizione la conoscete: qualcuno la descrive come una eroina, qualcuno invoca il concetto ella disobbedienza civile, alcuni la stanno aggredendo verbalmente. Io non appartengo né agli uni né agli altri. Io ci vedo invece un ricatto politico, che è stato compiuto scientemente e deliberatamente attraverso l’utilizzo strumentale della vita di 40 persone. Si era deciso di andare in Italia, di combattere una battaglia personale. Però io le battaglie personali, le combatto con me stesso, non coinvolgendo 40 persone innocenti”, così il premier Giuseppe Conte, entrando ai lavori del Consiglio europeo straordinario sulle nomine Ue, a chi gli chiede se parlerà del caso della Sea Watch 3 con la cancelliera tedesca Angela Merkel.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Nomine Ue, Conte: “Siano personalità forti”. Sulla procedura: “Oggi Cdm e aspettiamo la commissione”

prev
Articolo Successivo

Migranti, Fico: “Sbagliato invocare solidarietà Ue su loro pelle”. E attacca: “Fenomeno non si gestisce costruendo muri”

next