Mittente: Ankie Broekers-Knol, ministra liberal-conservatrice dell’immigrazione dell’Olanda, la nazione di cui la Sea Watch 3 batte bandiera. Il destinatario è il Viminale. La lettera, scrive il Corriere della Sera, è stata spedita il 29 giugno intorno alle 22 e in sostanza sposa la sostanza del Salvini-pensiero sulla nave della ong tedesca rimasta 17 giorni in mare in attesa di sbarcare a Lampedusa. Sbarco che è avvenuto in violazione del nuovo decreto Sicurezza e per le modalità del quale (tra scontri e speronamenti) la capitana Carola Rackete è ai domiciliari. Pur specificando che “l’Olanda è pienamente impegnata a rispettare l’obbligo di salvataggio della gente in mare imposto dalla legge internazionale” precisa: “come lei (Salvini) giustamente dice, le operazioni della Sea Watch 3 non dovrebbero contribuire alle attività criminali dei trafficanti”. Vicino al ministro dell’Interno anche la posizione sulla capitana Carola Rackete. L’Olanda, dice ancora la ministra, non condivide “come lei (Salvini)” la decisione che ha preso di sbarcare sulle coste italiane, visto che poteva andare in Libia, in Tunisia o anche nel porto olandese di competenza. Ma “contrariamente a quanto lei (la capitana) dichiara nella sua lettera, non ha mai chiesto di sbarcare in Olanda“.

Invitando l’Italia a collaborare a una riforma sul sistema di asilo europeo basato su “solidarietà e responsabilità”, Broekers-Knol aggiunge che sarà necessario mettere a punto “una procedura obbligatoria europea di espulsione ai confini esterni”. E poi il giudizio definitivo sul ricollocamento nel caso dei migranti che non hanno diritto alla protezione internazionale. “È uno spreco di sforzi e risorse finanziarie dei contribuenti che dovrebbe essere evitato”. Posizioni chiare che sono la premessa di una lettera dove l’Olanda premette tre punti fondamentali. Il primo: il fatto che una nave batta bandiera di un certo Stato, non implica che quello Stato debba imbarcare le persone soccorse. Secondo: visto che una soluzione “concreta e strutturale come quella indicata nel Consiglio europeo del giugno 2018″ non c’è, l’Olanda “non parteciperà più oltre agli schemi di sbarco ad hoc”.

In più l’Olanda ricorda di avere “esplicitamente dichiarato che non prenderà più migranti delle operazioni Sar (soccorso in mare) in un’area ampiamente colpita dalle attività dei trafficanti di esseri umani”. Ankie Broekers-Knol poi, è consapevole di tutta la “pressione migratoria sull’Italia negli ultimi anni”, specie fino alle metà del 2017. Consapevolezza che ha dimostrato anche nell’adesione al principio dei ricollocamenti. E la pressione migratoria oggi non si è neanche affievolita sull’Olanda: “Abbiamo registrato – spiega la ministra al Corriere – in questo periodo successivo alla crisi migratoria un continuo, alto numero di richiedenti asilo, molti dei quali provenienti dall’Italia. Questi movimenti sono un altro problema che dobbiamo affrontare”. Tutti punti di cui la ministra discuterà direttamente con Salvini, visto che ha annunciato che si recherà a Roma per “colloqui bilaterali”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Commissione Ue, Timmermans favorito. Salvini contrario: “Non lo sosterremo”

prev
Articolo Successivo

Commissione Ue, Italia decisiva per la nomina di Timmermans: “Aspetto posizione ufficiale”. Conte: “Valuteremo”

next