Il test l’ha fatto anche Massimo Mantellini, esperto di tecnologia, la cultura digitale: “Ho voluto provare e in effetti è vero. Se commenti sulla bacheca di Matteo Salvini “49 milioni” il commento viene blacklistato. Il massimo tecnologico che possa organizzare la famosa bestia”. Il riferimento è ai 49 milioni dei rimborsi intascati dalla Lega Nord e spariti. Soldi su cui indaga la magistratura e di cui il partito avrebbe usufruito grazie a una truffa ai danni di Camera Senato.

Mantellini poi ha provato a veicolare lo stesso messaggio in modo alternativo, arrivando alla conclusione che, ad esempio, “48 + 1 milioni” invece funziona. Così come funziona scrivere “quarantanove milioni” e tutte le altre combinazioni numeriche.


Un meccanismo che anche noi a ilfattoquotidiano.it abbiamo verificato. Il sistema della blacklist dei commenti funziona sulla pagina pubblica Facebook di Matteo Salvini, ma non su Twitter o su Instagram che non permettono di selezionare i commenti da bannare in base a parole chiave.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Metropolitana di Milano, i consigli del Milanese Imbruttito a Sala: “Aumento del prezzo del biglietto? Major, fai così…”

prev
Articolo Successivo

M5s, Di Battista: “Rosicai quando vidi giuramento governo Conte. Potevo entrare in Farnesina”. E narra un aneddoto

next