La procura di Torino ha richiesto il rinvio a giudizio per 26 persone nell’ambito dell’inchiesta sulla vecchia gestione del Salone del Libro. Tra le persone che, ad avviso dei pm, dovrebbero andare a processo ci sono anche l’ex sindaco Piero Fassino, gli ex presidenti della Fondazione, Rolando Picchioni e Giovanna Milella, e l’ex assessore alla Cultura della Regione Piemonte, Antonella ParigiPer tre persone a suo tempo coinvolte nelle indagini, tra cui l’ex assessore piemontese alla Cultura, Michele Coppola, le posizioni sono state stralciate. Le accuse ipotizzate a carico dei 26 indagati sono, a vario titolo, peculato, falso in bilancio, turbativa d’asta.

L’inchiesta è nata nel 2015 seguendo l’ipotesi di peculato contestata all’ex presidente della kermesse dell’editoria: secondo il pm Gianfranco Colace nell’arco di cinque anni Picchioni avrebbe speso circa 850mila euro “per finalità personali e comunque estranee alle finalità” della Fondazione per il libro. Gli approfondimenti hanno rivelato che Picchioni, ex deputato Dc con un trascorso di sottosegretario alla Cultura tra il 1978 e il 1981, aveva una gestione abbastanza “allegra” della fondazione pubblica: lo dimostrerebbero, ad esempio, le gare d’appalto bandite per l’organizzazione delle edizioni 2015 e 2016, ma anche i bilanci.

Inoltre, secondo l’accusa, era diventato impossibile per i concorrenti partecipare alle gare pubbliche. L’edizione del 2015, ad esempio, già oggetto di un procedimento – che portò ad alcuni arresti nell’estate 2016 – era stata affidata direttamente alla filiale italiana del colosso Gl Events, che gestisce il Lingotto Fiere. Tutto ciò è stato fatto “con la fittizia motivazione dell’urgenza, così evitando di effettuare le procedure di evidenza pubblica”, ma anche con “collusioni e altri mezzi fraudolenti” e per questo la procura contesta la turbativa d’asta all’ex presidente, a Fassino, ed altre quattro persone.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Stadio della Roma, nuova richiesta di archiviazione per la sindaca Virginia Raggi

prev
Articolo Successivo

Popolare Vicenza, giudice si astiene per incompatibilità: studio sorella assiste l’ex ad. Si allungano i tempi del processo

next