Un anno di distanza, poi un tweet galeotto, che aveva fatto discutere la cintura di sicurezza e invece conteneva un indizio nella frase a corredo dell’immagine. Concreto secondo Sky Sport, che martedì sera ha spiegato come la trattativa sia in fase avanzata: Gianluigi Buffon è pronto a tornare alla Juventus. Lo storico portiere bianconero e della Nazionale sta trattando un accordo di un anno, nel quale sarebbe il vice di Wojciech Szczesny, e un ruolo nei quadri dirigenziali per il futuro.

Il ritorno dopo l’esperienza al Paris Saint Germain potrebbe concretizzarsi visto l’infortunio dell’attuale secondo portiere bianconero, Mattia Perin, che si è operato alla spalla alla fine del campionato e non dovrebbe rientrare fino a ottobre. Perin oltretutto avrebbe espresso la volontà di iniziare un’avventura come primo portiere, magari per la Roma o il Siviglia. Si attende quindi solo la sua uscita per il rientro dell’ex capitano.

Buffon, dopo l’addio alla Juve, ha ricevuto offerte da tutto il mondo e ha giocato per un anno al Paris Saint Germain, mancando nuovamente l’unico trofeo che manca nella sua bacheca, la Champions League. Nelle ultime settimane aveva preso contatti con il Porto, ma la questione sembra essere tramontata di fronte all’opportunità di un suo ritorno all’Allianz Stadium. Quella nei bianconeri, visto che ha 41 anni, dovrebbe essere l’ultima stagione della carriera. E il suo rientro a Torino sembra presagire un futuro ruolo di dirigenza all’interno della società.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

San Siro, Milan e Inter: “Buttiamo giù il vecchio stadio e lo costruiamo nuovo”. Sala: “Nel 2026 sarà ancora funzionante”

next
Articolo Successivo

Inter, Marotta: “Icardi e Nainggolan non fanno parte del progetto nerazzurro”

next