Alberi indoor, grandi vetrate e materiali che richiamano l’ambiente naturale: come riportato in un articolo di Immobiliare.it, il progetto della Kojimachi Terrace di Tokyo porta un vero e proprio bosco artificiale dentro gli spazi di lavoro. Ideato dallo studio Nendo, questo edificio di undici piani nel centro della metropoli giapponese segna un punto di svolta per quanto riguarda l’architettura degli uffici, sempre più finalizzata a migliorare il benessere dei dipendenti.

In questo innovativo progetto, alberi e fiori non si limitano a decorare gli esterni: sono, al contrario, inseriti direttamente in spazi dedicati tra le mura dell’edificio. L’intera struttura è avvolta in un rivestimento in legno, che forma una sorta di rete e ne rende evidente il distacco rispetto ai tradizionali grattacieli che la circondano.

All’interno spiccano materiali come la pietra e l’acciaio color bronzo, utilizzati per trasmettere una sensazione di relax e tranquillità a chi è seduto alle scrivanie. Per le pareti sono state scelte tinte tenui, che ricordano quelle di un giardino o di una piccola foresta. Anche il pavimento, realizzato a mano e quindi non perfettamente livellato, crea l’illusione di camminare sul terreno di un prato.

In questo edificio innovativo e sostenibile non sono presenti lampade al neon: l’illuminazione è indiretta e attenuata, quasi provenisse dai raggi del sole. E in parte è davvero così, grazie alle ampie vetrate che evidenziano la connessione tra interni ed esterni, tra uffici e spazi verdi. Un modo per aumentare la serenità dei lavoratori e, di conseguenza, la loro produttività.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Comprare casa? In Italia servono 12 anni di stipendio

prev
Articolo Successivo

Comprare casa: un sogno possibile per il 78% delle famiglie italiane

next