Sperare che altrove non venga fuori un biscotto. Una situazione in cui spesso si è trovata l’Italia calcistica. E oggi tocca all’Under 21. Sì, perché gli Azzurrini, dopo la stecca contro la Polonia, fanno il loro dovere vincendo col Belgio già eliminato : 3 a 1 con Barella, Cutrone e Chiesa che tengono vive le speranze dei ragazzi di Di Biagio, ma ormai tutto dipende dagli altri.

La Spagna è andata a valanga sulla Polonia, vincendo per 5 a 0 e classificandosi come prima, scavalcando i polacchi, ormai fuori, e gli Azzurrini per differenza reti. L’unica speranza per Chiesa e compagni ora è di qualificarsi come miglior seconda: eventualità che passa da un risultato diverso dal pareggio e da un bel po’ di altre variabili in Francia-Romania di lunedì sera. Se pareggiassero, i giovani Blues e la Romania, rivelazione del torneo, andrebbero entrambe a 7 punti, passando in semifinale con la Spagna e la vincente del gruppo B.

Se biscotto non fosse, all’Italia converrebbe nettamente una vittoria della Romania: la Francia è messa peggio per differenza reti, a più 2 , e perdendo la differenza peggiorerebbe ulteriormente, con l’Italia che è a più 3 e si qualificherebbe. La Romania invece è a più 5, dovrebbe perdere con 3 gol di scarto per essere eliminata . Una situazione che ricorda molto Euro2004, con l’Italia che sperava in un risultato diverso dal 2 a 2 tra Svezia e Danimarca che l’avrebbe eliminata, o Euro2008 quando l’Olanda già qualificata avrebbe potuto estromettere gli Azzurri dal torneo facendo vincere la Romania. Idem nel 2012, quando Spagna e Croazia avrebbero potuto eliminare l`Italia ai gironi, ancora con un 2 a 2. Così ai mondiali del 2002 con gli azzurri del Trap costretti a tifare Ecuador già eliminato per passare il girone ai danni della Croazia.

Tra i potenziali biscotti anti azzurri, però, solo quello del 2004 fu effettivamente sfornato da Svezia e Danimarca. Dunque, affidare ad altri il proprio destino dopo cadute più o meno clamorose ai gironi è effettivamente una tendenza delle nazionali di calcio azzurre. E stavolta la sorte è anche nelle mani di due ragazzi con un po’ di Italia nel sangue : Marcus Thuram, che l’Italia ce l’ha anche sulla carta d’identità, visto che è nato a Parma ed è figlio di Lilian, ma a differenza del papà gioca attaccante nella nazionale francese, e Ianis Hagi, mancino ex Fiorentina e talentuoso come il papà Gheorghe, stella assoluta del Brescia di Lucescu.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Gigi Simoni, l’ex allenatore dell’Inter ricoverato in ospedale a Pisa: è grave

next
Articolo Successivo

Zidane, l’ex campione francese compie 47 anni e la Juventus lo omaggia con le sue prodezze: “Che cos’è l’arte?”

next