Google ha manutenuto la promessa: è disponibile l‘estensione per il browser Chrome che smaschera gli indirizzi sosia. Si chiama Suspicious Site Reporter e, una volta attivata, consente una navigazione online più sicura. Le sue funzioni erano in test da gennaio in Chrome Canary, la versione del browser di Google usata dagli sviluppatori per sperimentare le funzionalità di rilascio imminente. Adesso è disponibile liberamente a tutti.

È un aiuto importante, ad esempio, per non farsi prendere all’amo dalle mail di phishing o dai messaggi che chiedono di reinserire le proprie credenziali (cosa che non si dovrebbe mai fare). Molti utenti sono tratti in inganno dai cosiddetti indirizzi sosia, che assomigliano moltissimo a quelli veri, ma non solo sono. Per chiarezza, siti come paypall.com invece paypal.com, oppure g00gle.com anziché google.com 

Una volta installata l’estensione, il browser Google Chrome visualizzerà un’icona di allerta che catturerà la vostra attenzione prima che sia troppo tardi, ossia prima che abbiate il tempo di digitare le vostre credenziali. Si potranno inoltre consultare maggiori dettagli sul perché l’indirizzo che si sta cercando di aprire sia sospetto.

Con tutte le informazioni a vostra disposizione, l’ultima parola spetterà comunque a voi: potrete ignorare l’allerta e proseguire lo stesso nella navigazione del sito sospetto, oppure desistere. Almeno avrete avuto modo di leggere bene l’URL, smascherando l’inganno, quindi dovreste avere meno probabilità di cadere vittime di truffe.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

I supermercati Walmart si affidano a videosorveglianza e Intelligenza Artificiale per smascherare i furbetti alle casse

prev
Articolo Successivo

Luci a LED intelligenti per migliorare salute e produttività, un progetto finanziato dalla Commissione UE

next