I Renzi fanno causa a Dagospia. L’ex presidente del Consiglio e la moglie Agnese Landini hanno dato mandato all’avvocato Lorenzo Pellegrini di agire in giudizio civile contro Roberto D’Agostino “per le foto e le notizie rilanciate dal sito dal giugno 2014 al giugno 2019”, come spiega una nota dell’ufficio stampa di Matteo Renzi. La richiesta avanzata, aggiunge il comunicato, è di un risarcimento per mezzo milione di euro.

La nota è stata diffusa alle agenzie di stampa, fa notare lo stesso Dagospia, un’ora dopo l’ultima notizia pubblicata sui Renzi proprio dal sito di retroscena politici, economici e di gossip. “Che tempismo – commenta Dagospia – I Renzi chiedono 500mila euro a Dagospia. Dopo un’ora dal nostro flash in cui ci chiedevamo come mai Agnese non si vedesse spesso nella loro casa, arriva un bel comunicato stampa intimidatorio dal ‘senatore semplice’ di Firenze”. Per quanto riguarda il lungo periodo che la causa comprenderà – cinque anni dal giugno 2014 – Dagospia aggiunge: “Si è tenuto largo! Ma avrebbe messo in mezzo pure gli anni precedenti, se non fosse che dopo 5 anni scatta la prescrizione per il danno extracontrattuale”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Il caso Adidas dimostra che il valore di un marchio non dipende solo dalla grafica

next
Articolo Successivo

Deve essere dura essere Vittorio Feltri

next