I circa 500mila studenti impegnati nella prima prova scritta dell’esame di maturità hanno dovuto fare i conti con Giuseppe Ungaretti, Leonardo Sciascia, Corrado Stajano, coi 30 anni dalla morte di Carlo Alberto Dalla Chiesa e con la vittoria al Tour de France di Gino Bartali. “Alcuni autori erano usciti nel totonomi. Sorpresa per Dalla Chiesa e Bartoli, che danno la possibilità ai ragazzi di riflettere su mafia e sacrifici”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Maturità 2019, la diretta – Ecco le tracce della prima prova: Ungaretti con “Risvegli” e Sciascia per l’analisi del testo. Poi Stajano, Bartali e Dalla Chiesa

next