I circa 500mila studenti impegnati nella prima prova scritta dell’esame di maturità hanno dovuto fare i conti con Giuseppe Ungaretti, Leonardo Sciascia, Corrado Stajano, coi 30 anni dalla morte di Carlo Alberto Dalla Chiesa e con la vittoria al Tour de France di Gino Bartali. “Alcuni autori erano usciti nel totonomi. Sorpresa per Dalla Chiesa e Bartoli, che danno la possibilità ai ragazzi di riflettere su mafia e sacrifici”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Maturità 2019, la diretta – Ecco le tracce della prima prova: Ungaretti con “Risvegli” e Sciascia per l’analisi del testo. Poi Stajano, Bartali e Dalla Chiesa

next