Acquistare un immobile a Milano sembrerebbe più semplice rispetto ad Amsterdam. Come riportato da un articolo di Immobiliare.it, per comprare casa in Italia sono necessari in media 12 anni di stipendio, tre in meno che nelle grandi città europee. Se negli altri Paesi si è registrato un aumento del reddito medio e del prezzo degli alloggi, nella nostra Penisola si è avuta una riduzione su entrambi i fronti.

Come rilevato da una recente elaborazione di Moody’s, ad Amsterdam bisogna risparmiare per 22 anni prima di poter possedere un immobile a uso abitativo, mentre a Londra e Parigi l’attesa stimata è rispettivamente di 18,7 e 18,3 anni. Nel capoluogo meneghino sono invece necessari 11,8 anni, cifra che a Roma sale fino a 12,1 anni. Un’attesa inferiore si registra solo in Portogallo: a Lisbona bastano 11,5 anni di stipendio per entrare in possesso di un’abitazione.

A fare la differenza sono naturalmente i prezzi delle case al metro quadro e il reddito annuo disponibile. Proprio in questo secondo ambito i Paesi Bassi scivolano in fondo alla classifica, con 17.500 euro medi all’anno contro i 36.500 euro di Parigi e le 24.600 sterline di Londra (circa 28 mila euro). In Italia, è palpabile la disparità fra Milano e Roma: se nel capoluogo lombardo si raggiungono in media i 21.400 euro annui, nella Città Eterna se ne hanno a disposizione solamente 17.800.

Sono i giovani a risultare più in difficoltà, a causa dei redditi bassi e di occupazioni spesso precarie. Le loro scelte ricadono dunque su case e stanze in affitto, riducendo la possibilità di mettere da parte i risparmi per l’acquisto di un’abitazione di proprietà.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Arredamento: tappeti protagonisti dentro e fuori casa

prev
Articolo Successivo

A Tokyo un progetto per portare la foresta in ufficio

next