“Da sempre la responsabilità della segreteria è una scelta del segretario, che il segretario amministra come vuole. E’ del tutto evidente che noi abbiamo tutto il diritto di giudicarla e nessuno dovrebbe scandalizzarsene. Noi non siamo entrati in segreteria non per un capriccio o uno sgarbo, ma perché non abbiamo condiviso la linea politica del segretario dopo le primarie. Siamo minoranza e abbiamo il diritto di farlo senza che ci venga imputato di essere il ‘fuoco amicò”. Lo ha detto Roberto Giachetti, commentando, al convegno a Assisi di ‘Sempre avanti’, l’area politica ‘renziana’ del Pd, la composizione della segreteria nominata ieri dal segretario.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Pd, Boschi: “Segreteria? Buon lavoro a Zingaretti. Da toscana mi sarebbe piaciuto ci fosse un toscano”

prev
Articolo Successivo

Simona Mafai, addio all’ex senatrice storica dirigente del Partito comunista

next