“Il nostro obiettivo è passare il turno“, ha spiegato in conferenza la pragmatica Bertolini, commissario tecnico della nazionale. “Vedo le ragazze molto concentrate, sanno che questa partita è la più difficile e che nasconde tante insidie perché la Giamaica è in quarta fascia e non ha lo stesso blasone dell’Australia. Hanno giocatrici di grande velocità e fisicità, qualità che nel calcio femminile fanno la differenza”. Sulla formazione di partenza, invece, non ha dato alcuna indicazione: “Ho un’idea in mente, ma deciderò solo all’ultimo Vedrò come staranno le ragazze, qualcuna è un po’ affaticata, e farò le mie valutazioni. Scenderà in campo la miglior formazione possibile, non faccio calcoli di nessun tipo”.

Hue Menzies, ct giamaicana, ha invece annunciato novità rispetto all’esordio contro il Brasile, ma la Bertolini non si è lasciata distrarre: “Non so se cambieranno modulo o giocatrici”, ha dichiarato. “Noi, come sempre, dobbiamo pensare prima di tutto a noi, a come impostare la partita, poi in base all’avversario potremo valutare di fare qualche aggiustamento anche nel corso della partita”.

Tralasciando il successo della nostra nazionale, per quanto riguarda i risultati in questo Mondiale non ci sono state ancora grandi sorprese. “Tutte le gare sono state combattute a parte quella degli Stati Uniti – che ha travolto la Thailandia chiudendo la partita 13-0 -. Le squadre favorite hanno vinto, ma andando bene a vedere come sono maturati i risultati, penso ad esempio ai successi di Olanda e Germania su Nuova Zelanda e Spagna, qualcosa cambia, senza però dimenticare i vice campioni del mondo del Giappone che hanno pareggiato con l’Argentina”. Anche la capitana della squadra, Sara Gama, non si lascia troppo trascinare dall’entusiasmo: “Non guardiamo indietro, ma avanti. La Giamaica non va assolutamente sottovalutata. Ma non c’è pericolo- assicura – perché siamo consce di dove siamo e sappiamo che dovremo far valere tutta la nostra sapienza tecnico tattica se vogliamo avere la meglio. Quello di domani è un match fondamentale per il passaggio del turno, può essere uno step molto importante.

Il campionato mondiale di calcio femminile 2019 piace a molti, tanto che persino Google Doodle oggi ha voluto celebrarlo: aprendo il motore di ricerca, infatti, possiamo vedere scorrere le immagini, stilizzate e variopinte, delle varie squadre in gara.

L’ottava giornata del Campionato inizia alle 15 con Giappone-Scozia, prosegue alle 18 con Giamaica-Italia e si conclude alle 21 con Inghilterra-Argentina. Anche se la nostra nazionale dovesse terminare il girone a pari merito con l’Australia, vincere stasera contro la Giamaica potrebbe qualificarci agli ottavi. Dove sintonizzarsi per seguire le partite? Rai e Sky le trasmettono con diverse offerte: Rai trasmette in diretta su Rai 2 tutte le partite della Nazionale, mentre gli altri incontri principali vengono trasmessi su Rai Sport (canale 58). Sky, invece, ha i diritti per trasmettere il torneo nella sua totalità. Gli incontri vanno in onda sul canale dedicato Sky Sport Mondiali (202), incluso nell’offerta Sky Calcio, e su Sky Sport Football. Gli abbonati, inoltre, potranno seguirle anche in streaming tramite le piattaforme online Sky Go e Now TV. 

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L'abbiamo deciso perchè siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un'informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Napoli. De Laurentiis in cerca del suo Alex Ferguson, tra amori e divorzi. Serve un top player per matrimonio con Ancelotti

next
Articolo Successivo

Playoff basket, Venezia vince in Sardegna: altro che difesa, la vera chiave è Daye

next