Non solo semplici complementi d’arredo, ma veri e propri dettagli di design: come riportato da un articolo di Immobiliare.it, i tappeti sono sempre più protagonisti dell’arredamento della casa, perfetti per regalare calore e personalità agli ambienti interni e agli spazi outdoor. Vediamo insieme le ultime tendenze per quanto riguarda forme, colori e materiali.

Arredare con i tappeti

Lo stile nordico e minimalista si conferma uno dei più amati anche in Italia. Ma per rendere accogliente una stanza arredata in modo essenziale è importante giocare con i colori e i tessuti: ecco perché i tappeti, così come i cuscini e i copridivani, sono tornati in auge dopo un periodo di oblio. In commercio esistono modelli di ogni forma e tonalità, che si adattano a tutti gli ambienti: in salotto, dove il tappeto si presta a diventare una seduta alternativa per i bambini o durante le cene più informali, è meglio scegliere un tessuto morbido e spesso; al contrario, per ravvivare l’ingresso sono preferibili quelli più resistenti e facili da lavare. E in terrazzo? Le ultime tendenze puntano sulla decorazione degli spazi outdoor con tappeti in materiali riciclati, resistenti al freddo, al calore e all’umidità.

Quali colori scegliere?

Per quanto riguarda i materiali possiamo scegliere tra quelli naturali juta su tutti – e quelli sintetici. E per le tonalità? In questo caso possiamo davvero sbizzarrirci. In primis, però, occorre porsi a una domanda: abbinamento o contrasto? Sono molto diffuse entrambe le soluzioni, ma in generale quando una stanza è già ricca dal punto di vista cromatico sarebbe meglio scegliere un tappeto a tinta unita e in una tonalità poco sgargiante. Viceversa, se nell’arredo domina il bianco si può dare il via libera a fantasie sgargianti e soluzioni multicolor. Il 2019 ha segnato poi un grande ritorno direttamente dagli anni Settanta: i motivi animalier, che si sposano perfettamente con un look post-industriale in cui il grigio e l’antracite la fanno da padroni.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Mercato dei box auto: fuori dalla crisi, ma la ripresa è lontana

prev
Articolo Successivo

Comprare casa? In Italia servono 12 anni di stipendio

next