I fili usati per stendere la biancheria hanno attutito la caduta del bambino volato dal quinto piano del palazzo in cui abita. È successo nel pomeriggio del 12 giugno a Catanzaro. Il bambino, che ha tre anni e mezzo, ha riportato fratture alle gambe ma non sarebbe in pericolo di vita: la tac a cui è stato sottoposto avrebbe dato esito negativo.

Rimane comunque in prognosi riservata nel reparto di Rianimazione dell’ospedale “Pugliese” del capoluogo calabrese, dove è stato portato subito dopo l’incidente da un’ambulanza del 118. Il piccolo era con la madre, ora in stato di choc, nella casa di via Fares, nel quartiere Sala. Sul posto sono intervenuti agenti della Squadra mobile e, secondo i primi accertamenti, si sarebbe trattato di una caduta accidentale.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Maltempo, emergenza a Lecco. Esondano i torrenti, case evacuate e treni fermi. Coldiretti: “Coltivazioni devastate”

next
Articolo Successivo

Roma, tenta di rapire una bambina di nove anni: arrestato 43enne. La scena ripresa dalle telecamere

next