A mezz’ora dalla fine del campionato di Serie B non era neppure ai play off il Verona e oggi è in Serie A. Quando al 53esimo aveva segnato Iemmello del Foggia, nell’ultima gara della regular season, infatti, il Bentegodi era rimasto gelato e gli scaligeri erano fuori dalla griglia play off: ci aveva pensato Di Carmine con una doppietta a riagguantare la possibilità di tornare tra i grandi. Una stagione travagliata per il Verona: tra sconfitte, prestazioni non sempre all’altezza, contestazioni e l’esonero dell’allenatore, l’eroe del 2006 Fabio Grosso: a una giornata dalla fine in pochi credevano nel lieto fine.

Ci credevano in pochi soprattutto dopo la sconfitta, doppia, con la Cenerentola terribile Cittadella: la squadra del paesino di 20mila abitanti, l’ultimo monte ingaggi della Serie B , con il friulano-senegalese Diaw passato dal tagliare l’erba dei campi da gioco ad essere (quasi) l’eroe della storica promozione in Serie A. Sì perché aveva vinto alla trentasettesima di campionato, la penultima, il Cittadella, 3 a 0 con Diaw, Moncini e il capitano Iori provocando l’esonero di Grosso e la quasi estromissione del Verona dai playoff. Intanto però il Verona, esonerando Grosso e mettendo un ex gialloblù sulla panchina, Alfredo Aglietti, tre stagioni e una ventina di gol in gialloblu tra fine anni 90 e 2000, ribaltando il Foggia nell’ultima di campionato aveva guadagnato affannosamente l’accesso ai play off.

Nel preliminare Aglietti e i suoi avevano beccato il Perugia, balbettando ancora: 1 a 1 nei tempi regolamentari e 4 a 1 dopo i supplementari con Pazzini a decidere la sfida con una doppietta negli ultimi minuti. Tiratissima la semifinale col Pescara: 0 a 0 all’andata al Bentegodi, vittoria gialloblu all’Adriatico con un rigore di Di Carmine a un quarto d’ora dalla fine. In finale ancora derby veneto col Cittadella, che sulle ali del sogno aveva vinto due a zero al Tombolato: doppietta di Diaw e favola che sembrava già scritta. Ci hanno pensato Zaccagni, Di Carmine e infine Karim Laribi a ribaltare la situazione al Bentegodi, col Cittadella rimasto in 9 ed il 3 a 0 finale. Tornano subito in A gli scaligeri dunque, contro ogni pronostico e ancora tra le proteste ai danni del presidente Setti, con alcuni striscioni polemici comparsi in città. Ma alla fine il Bentegodi gremito fa festa: è la decima promozione in Serie A della storia dell’Hellas.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Mondiali Under 20, l’Italia vola ai quarti: Pinamonti stende la Polonia su rigore

prev
Articolo Successivo

Dotto va in pensione. L’aneddoto: “Dopo Verona-Juve Bagnoli disse ai carabinieri: ‘Cercate i ladri? Nell’altro spogliatoio'”

next