Vi piacerebbe fare un safari incruento nel comfort del vostro salotto? Vi basta avere uno smartphone Android e iPhone che supporta la Realtà Aumentata. All’annuncio che si era tenuto durante la conferenza per gli sviluppatori Google I/O di maggio 2019 ha avuto corso ed ora è attiva la funzione che permette di usare la Realtà Aumentata per sovrapporre i modelli 3D al mondo reale. Questo permette di posizionare un oggetto 3D all’interno di un ambiente reale e di guardarlo da ogni angolazione.

 

Provare è facile: basta digitare il nome di un animale nella casella di ricerca e, se è tra quelli attualmente supportati dalla funzione, verrà visualizzato il messaggio: “Incontra un animale a grandezza naturale [da vicino]“. Selezionando l’opzione “Visualizza in 3D” si vedrà un modello 3D animato dell’animale nelle sue dimensioni reali, sovrapposto a qualsiasi cosa si stia inquadrando con la telecamera.

 

Il giornalista Scott Stein di Cnet ha pubblicato su Twitter alcuni dei suoi esperimenti: una tigre che passeggia in un vagone, un panda in città, un alligatore per strada. La lista degli animali è ancora piuttosto limitata, per ora rispondono all’appello anche rottweiler, orsi bruni, pappagalli ara, procioni, pinguini, squali, leoni e pony. Funziona sia in Chrome sia nell’app di Google.

Lo scopo ultimo della nuova funzione di Google non è solo quello gioco di animare belve feroci, ma soprattutto di sfruttarla a scopo commerciale, ad esempio per visualizzare modelli 3D dei prodotti cercati su Google, per agevolare lo shopping. Si pensi ad esempio al posizionamento virtuale di una nuova scrivania nello studio o nella cameretta dei bambini, per verificare se si adatta allo spazio e se si coordina bene con gli altri mobili.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Days Gone, sopravvivere è l’unica missione – La nostra prova

next
Articolo Successivo

Occhio al PIN troppo facile per bloccare lo smartphone, si rischia grosso

next