Nicola Fratoianni rassegna le dimissioni da segretario nazionale di Sinistra Italiana. L’annuncio al termine della direzione nazionale del partito: “La campagna elettorale delle elezioni europee de La Sinistra ha prodotto un contributo di idee interessante e profondo. Ha avuto il merito di porre con forza alcuni temi su scala europea: la ridistribuzione della ricchezza, la lotta per l’uguaglianza, i diritti. Dalla campagna elettorale è emersa anche con forza, dal basso, a volte il dispiacere, a volte il fastidio per la frammentazione delle proposte di Sinistra”, ha sottolineato Fratoianni nel suo discorso.

Per l’ormai ex segretario di Si, questo è il “tema vero“. “È una frammentazione a volte davvero inspiegabile – ha proseguito Fratoianni – e prima delle elezioni europee abbiamo provato con ogni sforzo ad aggregare una proposta unitaria che si riconoscesse nella cultura della sinistra ed ecologista europea. Rimane lì il tema, sul campo. E io voglio continuare a dare sul campo il mio contributo per la riunificazione delle proposte, che abbiano connotati di chiarezza, radicalità e credibilità“.

Entro la pausa estiva verrà convocata l’assemblea nazionale del partito per avviare la fase congressuale. A Claudio Grassi, presidente di SI, il compito di istruire questo percorso.”Spero che sia utile a stimolare una riflessione collettiva, seria, senza sconti, che non pensi di trovare scorciatoie di nessun tipo”, ha concluso Fratoianni.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Aeroporto Firenze, il Tar boccia il decreto Via. Vincono i sindaci e gli imprenditori si lamentano: “Stop a sviluppo Toscana”

next
Articolo Successivo

2 giugno, Mattarella: “Festa di libertà e democrazia. Incompatibile con chi fomenta scontri alla ricerca di un nemico”

next