“Non ci fanno paura i proclami di Salvini sul Tav, sono delle meteore che vanno su e spariscono, mentre noi resistiamo da trent’anni”. Fulvio è uno degli storici attivisti del movimento No Tav. Dal presidio No Tav di Venaus, storica roccaforte della lotta contro il treno, commenta così l’avanzata della Lega in Val di Susa. Alle europee, il partito di Salvini è diventato il più forte in quasi tutti i comuni della Valle. Solamente in sei paesi, i pentastellati hanno conservato il primato. “Il crollo del M5S è legato alle aspettative nate dalle promesse che poi non sono state mantenute” racconta l’attivista No Tav Nicoletta Dosio. Un ragionamento condiviso dall’ex sindaco di Venaus Nilo Durbiano, da sempre contro l’alta velocità: “Ha pesato l’astensionismo di molti elettori del M5S, ma anche la tendenza nazionale trainata dalla figura di Matteo Salvini”. Ed è proprio il leader della Lega che la mattina successiva alle elezioni ha ribadito che “il mandato degli italiani è chiaro ed è quello di andare avanti e fare le grandi opere”. Dalla Valsusa, però gli attivisti contrari al treno ad alta velocità rispondono che “questa tornata elettorale non era un referendum sul Tav”.  

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

M5s, Di Maio: “Voto su Rousseau sul mio ruolo di capo politico”

prev
Articolo Successivo

M5s, Appendino: “Voto su Di Maio? Spero in clima sereno, ribadisco la mia fiducia. No a clima da forconi”

next