Lacrime sugli spalti per il saluto a Daniele De Rossi. Il capitano è entrato in campo, con una colonna sonora da lui scelta, accolto dai compagni e dallo staff con un mega gonfiabile con scritto DDR 16 che vola al cielo. C’è un misto tra commozione, tristezza e sbigottimento per l’addio del numero 16. Lunghissimo applauso e abbraccio commosso di Ranieri, Pellegrini e Florenzi di De Rossi che è poi corso a bordo campo per abbracciare Bruno Conti con indosso la maglia della Roma e Francesco Totti che gli consegna un omaggio con il numero 16. Ed è proprio durante l’abbraccio all’ex capitano che De Rossi ha pronunciato la frase “Io non volevo”, probabilmente riferita all’audio rubato e divulgato alcuni giorni fa, in merito alla trattativa con la società

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Basket, playoff: iniziano le semifinali. Milano-Sassari è la vera sfida scudetto? Cremona contro Reyer per stupire ancora

next
Articolo Successivo

Mestre, gesti sessisti di un calciatore 14enne all’arbitro donna: squalificato per un anno

next