Passato il voto delle Europee, è già ripartita la faida interna dentro Forza Italia. Dopo che il partito ha perso circa due milioni di voti rispetto alle ultime Politiche, dentro il partito azzurro non mancano i malumori. Se Mara Carfagna ha rivendicato come “FI non possa essere gestita da uno staff“, con tanto di scontro interno con Giorgio Mulè, portavoce unico dei gruppi di Camera e Senato, lo scontro più pesante è quello che contrappone il governatore della regione Liguria, Giovanni Toti, già da tempo sulla via dell’addio a Forza Italia, al resto del partito. “Ora basta, tutti a casa”, aveva rivendicato. Berlusconi da Bruxelles lo ha gelato: “Le critiche di Toti? Tutti coloro che sono usciti da Forza Italia si sono condannati all’invisibilità”. Ma da Roma anche altri big del partito lo attaccano: “Toti? Non ricordo sia stato nominato numero due di Forza Italia con un Congresso”, ha rivendicato sarcastico Maurizio Gasparri. Mentre l’ex capogruppo Renato Brunetta sembra già guardare oltre: “È già andato via, ha fatto campagna elettorale per Fratelli d’Italia e Meloni. Mi sembra stravagante che chieda un passo indietro ai dirigenti di FI che già lo avevano accettato in quanto nominato“.

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

B.COME BASTA!

di Marco Travaglio 14€ Acquista
Articolo Successivo

Renzi: “Se il governo cade i parlamentari M5s chiedono il reddito di cittadinanza, non sanno che fare nella vita”

next