Passato il voto delle Europee, è già ripartita la faida interna dentro Forza Italia. Dopo che il partito ha perso circa due milioni di voti rispetto alle ultime Politiche, dentro il partito azzurro non mancano i malumori. Se Mara Carfagna ha rivendicato come “FI non possa essere gestita da uno staff“, con tanto di scontro interno con Giorgio Mulè, portavoce unico dei gruppi di Camera e Senato, lo scontro più pesante è quello che contrappone il governatore della regione Liguria, Giovanni Toti, già da tempo sulla via dell’addio a Forza Italia, al resto del partito. “Ora basta, tutti a casa”, aveva rivendicato. Berlusconi da Bruxelles lo ha gelato: “Le critiche di Toti? Tutti coloro che sono usciti da Forza Italia si sono condannati all’invisibilità”. Ma da Roma anche altri big del partito lo attaccano: “Toti? Non ricordo sia stato nominato numero due di Forza Italia con un Congresso”, ha rivendicato sarcastico Maurizio Gasparri. Mentre l’ex capogruppo Renato Brunetta sembra già guardare oltre: “È già andato via, ha fatto campagna elettorale per Fratelli d’Italia e Meloni. Mi sembra stravagante che chieda un passo indietro ai dirigenti di FI che già lo avevano accettato in quanto nominato“.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Successivo

Renzi: “Se il governo cade i parlamentari M5s chiedono il reddito di cittadinanza, non sanno che fare nella vita”

next