Passato il voto delle Europee, è già ripartita la faida interna dentro Forza Italia. Dopo che il partito ha perso circa due milioni di voti rispetto alle ultime Politiche, dentro il partito azzurro non mancano i malumori. Se Mara Carfagna ha rivendicato come “FI non possa essere gestita da uno staff“, con tanto di scontro interno con Giorgio Mulè, portavoce unico dei gruppi di Camera e Senato, lo scontro più pesante è quello che contrappone il governatore della regione Liguria, Giovanni Toti, già da tempo sulla via dell’addio a Forza Italia, al resto del partito. “Ora basta, tutti a casa”, aveva rivendicato. Berlusconi da Bruxelles lo ha gelato: “Le critiche di Toti? Tutti coloro che sono usciti da Forza Italia si sono condannati all’invisibilità”. Ma da Roma anche altri big del partito lo attaccano: “Toti? Non ricordo sia stato nominato numero due di Forza Italia con un Congresso”, ha rivendicato sarcastico Maurizio Gasparri. Mentre l’ex capogruppo Renato Brunetta sembra già guardare oltre: “È già andato via, ha fatto campagna elettorale per Fratelli d’Italia e Meloni. Mi sembra stravagante che chieda un passo indietro ai dirigenti di FI che già lo avevano accettato in quanto nominato“.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Europee 2019, volti senza voti, eterni ritorni e ultime spiagge: tutti i trombati eccellenti dell’Europarlamento

prev
Articolo Successivo

Renzi: “Se il governo cade i parlamentari M5s chiedono il reddito di cittadinanza, non sanno che fare nella vita”

next